Interviste

Le interviste: Macrina Mirti



Macrina Mirti insegna italiano e
storia nella scuola superiore. È specializzata nella didattica dell’italiano
come lingua seconda e ha partecipato a moltissimi progetti per l’insegnamento
dell’italiano ai ragazzi stranieri. 

Nel tempo libero dalla famiglia e dal
lavoro, si occupa di gatti, che sono la sua grande passione. Ama i libri, il
cinema d’autore e la cucina vegetariana. Le piace l’horror, ma non riesce a
pubblicarlo. Preferisce dedicarsi alle storie d’amore: ne sta vivendo una
splendida da ventotto anni.


In occasione della lettura dei racconti storici “Le ragioni
del cuore” e “Il canto del cuore”, pubblicati da Delos Digital nella Collana “Passioni
Romantiche”, ho intervistato Macrina Mirti che ha cortesemente risposto a tutte
le mie domande.

QUANDO HAI COMINCIATO A SCRIVERE? IN QUALE OCCASIONE? PERCHE’?
Ho cominciato a scrivere da ragazzina, in collegio, dove ero finita
dopo la morte di mia madre. Leggevo e scrivevo di nascosto, perché era proibito
fare qualsiasi cosa che non riguardasse i compiti e lo studio. Spesso mi alzavo
di notte, quando tutte nella camerata dormivano, e me ne andavo in bagno, mi ci
chiudevo, leggevo o scrivevo storie. Un paio di volte sono stata beccata e
punita. Sono ricordi che avevo rimosso dalla memoria, ma che un po’ alla volta
stanno tornando a galla.
CHE GENERI TRATTI OLTRE AL ROMANCE STORICO?
L’horror e il soprannaturale. Adoro le storie di fantasmi. Da piccola,
in collegio, di notte, queste storie mi terrorizzavano. Scriverle, per me
rappresenta una catarsi. Peccato che nessuno le voglia pubblicare. Scrivo anche
crime. Dovrei uscire con un racconto nerissimo per la collana Crime della
Delos, ma ancora non so quando.
COME, DOVE SCRIVI?
Scrivo quando mi viene l’ispirazione. In genere, tutto ha inizio con un’idea
che comincia a frullarmi in testa e non mi fa dormire la notte. Sento il
bisogno impellente di appuntarla da qualche parte. Così, ho un cassetto della
mia scrivania pieno zeppo di foglietti scribacchiati frettolosamente. Ogni
tanto, quando sono in vena di fare pulizia, apro il cassetto e li riguardo uno
per uno. Molti li butto via. Qualcuno, invece, lo tengo e lo covo, come fa la
gallina con le uova finché non si schiudono. 
QUANTE ORE (IN MEDIA) DEDICHI ALLA SCRITTURA NEL CORSO DELLA
SETTIMANA?
Dipende. Scrivo moltissimo quando non lavoro: l’estate e durante le
vacanze di Natale. Per il resto dell’anno, sono poco creativa. Posso ricopiare,
editare, sistemare cose che ho scritto durante l’estate. Se sono presa da
famiglia e lavoro, l’ispirazione latita.
PROGETTI PER IL FUTURO, OLTRE AL CRIME PER DELOS?
Un racconto molto lungo (quasi un romanzo) per Senza Sfumature e due
romanzi horror (ma molto horror) che dovrei trovare il coraggio di pubblicare.
Sono ambientati in convento. Monache e fantasmi a piene mani. Scriverli è stato
liberatorio. Vedremo.
UN PO’ DI NOTIZIE PROFESSIONALI E PERSONALI.
Macrina Mirti, come forse molte di voi hanno capito, è uno
pseudonimo. Macrina è il diminutivo con cui mi chiamava mia madre quando ero
piccola. Mirti è un nome d’arte. Lo uso perché mi guadagno da vivere
insegnando. I genitori dei miei studenti non gradirebbero una prof che scrive
romanzi erotici. Il mio lavoro mi piace e m’impegna molto. Per anni sono
stata un’insegnante iperattiva e ho anche ricoperto incarichi di una certa
importanza sia a livello provinciale che regionale. Poi ho detto basta. Il
gioco non vale la candela. Purtroppo.
Vivo con mio marito e i nostri due gatti in una piccola città nel
cuore dell’Appennino centrale. Per passione faccio la gattara. Da alcuni anni,
infatti, mi occupo di una colonia felina. Gli animali soli hanno molto bisogno
di aiuto e il loro affetto mi ricambia di tutti i piccoli sacrifici che faccio
per dar loro una mano.
Post precedente

Le ragioni del cuore, di Macrina Mirti

Post successivo

La bambina con il vestito blu, di Giulia Beyman

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *