QuattroZampeRubriche

Le filastrocche di Giulianna D’Annunzio: Dal ponte lassù

Questa filastrocca è ispirata ad una storia vera. La dedico ad una grande amica e a tutti coloro che, come lei, hanno affrontato il distacco da un compagno fedele e non smettono un solo giorno di portarlo nel cuore.

Dal ponte lassù

Dicevan di lui che era spaventoso

ma dentro i suoi occhi un mondo affettuoso;

gigante di muscoli e virilità

farcito di amore e grande bontà;

il capo dei quattro, senza obiezione

voleva per primo carezze e attenzione;

faceva la guardia e scrutava nel cuore

varcavi il cancello se amava il tuo odore.

Il tempo passava, il gigante invecchiava

finché tanto si ammalò

e gli affetti salutò.

Ira, la dolce, parecchio avvilita

dormiva sul corpo del compagno di vita.

Per giorni e giorni i tre amici spaesati

vagavan digiuni e sconsolati.

Zara dormiva e poltriva qua e là

senza passione come tempo fa.

Nero, il più giovane ma magro assai,

tirò fuori più grinta che mai;

il suo cuore malato poco pompava

e ogni due giorni dal dottore andava;

ma c’era bisogno di un capobranco,

Nero era giusto, ma in due passi era stanco.

In casa non si entra, diceva agli amici,

ma questi con gli occhi rispondevan: Che dici!

Il capo, Cesare, faceva così

e quindi vi dico: Fermatevi qui!

Ma tu non sei lui, cosa comandi?

Comando su voi, che siete più grandi.

Va bene, piccino, ti accontentiamo,

anche se questo sembra un po’ strano.

Dall’arcobaleno il gigante parlò,

i suoi umani al canile d’un tratto guidò;

mancava la gioia che presto tornò,

quando sguardo umano Ares incontrò.

Nero contento il capo faceva,

col piccolo nuovo che lo permetteva.

Dall’arcobaleno il gigante parlò

e la sua amata insieme chiamò.

Venti giorni passati sì e no

e Ira felice il suo amato trovò.

Ma Cesare ancora decise di fare

e di nuovo al canile gli umani mandare.

Ecco che arriva la piccola Athena

a presto alleviar la nuova pena.

Ogni amico non dimentichiamo

lo sguardo al cielo spesso portiamo.

Ogni astro di costellazione

di un nostro amico porterà il nome.

Giulianna D’Annunzio

Ti do una zampa

Post precedente

Recensione: Due cuori e un detective, di Sarah Bernardinello

Post successivo

Recensione: Alice non è il Paese delle Meraviglie, di Giuditta Ross

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

2 Commenti

  1. 12 luglio 2017 at 8:19 — Rispondi

    Grazie

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *