L'artiglio rosaRecensioni

L’Artiglio Rosa: Long, Lorret, Locke

Julie Ann Long, Doppia seduzione

Serie Sorelle Holt, Volume Terzo

Mondadori – Passione 157

Una scrittura intensa che sa parlare di amore e passione.” Publishers Weekly.

Sabrina Fairleigh è la figlia del vicario di un piccolo paese di campagna, dedita alle opere di bene e convinta che prima o poi riuscirà a trovare un uomo col quale condividere questo suo slancio nell’aiutare il prossimo. Ma nella sua vita irrompe Rhys Gillray, conte di Rawden, che ha fama di celebre libertino. Inaspettatamente, tutte le certezze di Sabrina si offuscano. Da parte sua Rhys, per sconfiggere la noia, decide di mettere alla prova ancora una volta le sue capacità di seduttore con la giovane e casta ragazza, finendo però col cedere al suo innato fascino ammaliatore. Finché un giorno qualcosa dal passato…

Note: DOPPIA SEDUZIONE (The Secret to Seduction) è il romanzo conclusivo della trilogia dedicata alle sorelle Holt. I romanzi precedenti della serie, LA BELLA E LA SPIA (Beauty and the Spy) e LE VIE DEL DESIDERIO (Ways to be Wicked), sono già stati pubblicati nella collana de I Romanzi Passione – nr. 145 e 150 rispettivamente.

Tra le altre opere di Julie Anne Long già pubblicate in precedenza da Mondadori, ricordiamo UN DUCA IN FUGA (The Runaway Duke) e UN AMORE DI LADRA (To Love a Thief) nella collana I Romanzi Classic; IL PERICOLO E IL PIACERE (The Perils of Pleasure), COME NESSUN ALTRO (Like No Other Lover), CEDERE ALLA PASSIONE (Since the Surrender), CAPITAN SELVAGGIO  (I Kissed an Earl), MIO DUCA (What I Did for a Duke), CONQUISTARE UN MARCHESE (How the Marquess Was Won), LE CONFESSIONI DI UNA CONTESSA (A Notorious Countess Confesses), ACCADDE A MEZZANOTTE (It Happened One Midnight), RESA D’AMORE (Between the Devil and Ian Eversea) e IN PRINCIPIO FU LO SCANDALO (It Started with a Scandal) nella collana I Romanzi Passione.

Ambientazione: Inghilterra, 1820 (periodo regency).

Tre stelle per la storia d’amore * * *

Personalmente ho una profonda convinzione: la misura di un giallo è UN volume. E quindi ho sempre molte perplessità quando questa regola viene infranta. Certe autrici riescono a trovare almeno delle conclusioni parziali e provvisorie, ma non è il caso di questa serie, pubblicata in originale undici anni fa. Perché trovare titoli recenti fra i Romanzi Mondadori è sempre più raro. E considerate che non si tratta di un Introvabile o di un Oro.

In Italia il primo volume è uscito un anno fa e, quando ho cominciato a leggere questo terzo, confesso che mi ero dimenticata quasi del tutto di Anna Holt. Per cui, quando è rispuntata fuori la questione, sono rimasta addirittura sconcertata.

L’inizio, difatti, sembra quello usuale del libertino che, apparentemente solo per noia, seduce una ragazza casta e pura e per giunta la narrazione è piuttosto lenta. Però, nonostante qualche inverosimiglianza, nel complesso l’innamoramento di Rhys e Sabrina è la cosa migliore del romanzo, e forse dell’intera serie.

Poi, più o meno a metà, è rispuntato il filone giallo a ricordarmi tutto quello che avevo dimenticato. Direi con scarsa soddisfazione. Comunque, almeno, siamo arrivati alla fine (credo).

Vivienne Lorret, Una miss di campagna

Serie Season’s original, Volume Secondo

HarperCollins Italia

Liam Cavanaugh, Conte di Wolford, si sveglia confuso e dolorante in un letto sconosciuto, avvolto in bende che gli impediscono di vedere e senza alcuna memoria di chi lo abbia picchiato tanto violentemente da arrivare quasi a ucciderlo. Per qualche giorno la sua vita si riduce al buio e al dolore che prova e che solo la dolce voce della domestica incaricata di prendersi cura di lui, oltre a un fugace bacio rubato a quelle morbide labbra, riescono ad alleviare. Quando infine le ferite guariscono, Liam scopre che la giovane non è affatto una cameriera, bensì la figlia di un baronetto di campagna appena arrivata a Londra e già vittima del giudizio del ton a causa della sua zoppia. Intenzionato a proteggerla, Liam rinuncia alle abitudini da libertino dissoluto per cui è noto e inizia a frequentare i ricevimenti rispettabili per starle accanto… finendo tuttavia per metterla in serio pericolo.

Deludente * *

Per favore, dimenticate Una debuttante da sposare: questo volume non sembra neanche scritto dalla stessa persona. Una storia risibile a partire dalle case dei protagonisti che hanno (udite!udite!) una porta comunicante, che permette loro di incontrarsi, mentre gli altri dormono, senza alcuna difficoltà. Due protagonisti che per diverse ragioni non vogliono assolutamente sposarsi. Pensate un po’. No, è meglio che non ci pensiate neanche. Una parte iniziale piuttosto lenta, forse perché l’autrice non sa come complicare la vicenda. Ma per fortuna un po’ di vivacità arriva almeno nel finale.

Nicole Locke, Cuori sotto assedio

Serie Lovers and Legends, Volume Terzo

HarperCollins Italia

Scozia, 1296 – Dopo la morte del padre, laird dei Fergusson, la giovane Lioslath è costretta suo malgrado a prendere in mano le redini del clan e a occuparsi dei fratellini minori. Come se questo onere non fosse già abbastanza gravoso, soprattutto con la guerra che imperversa in Scozia contro gli inglesi, giunge al castello il capoclan dei Colquhoun, intenzionato ad aiutare i Fergusson rimasti senza una guida. Ritenendolo responsabile della morte del padre, la caparbia Lioslath non permette a Bram e alla sua scorta di varcare i cancelli, e così la missione di soccorso diviene presto un vero e proprio assedio, nonché uno scontro di volontà… almeno sino a quando le scintille astiose tra loro si trasformano in fiamme di passione.

Una serie insopportabile*

Ho letto solo due dei tre romanzi finora usciti e spero di ricordarmi di evitare gli altri quattro.

Innanzitutto i volumi non sono autonomi e si presentano come puntate di un’unica storia con finali del tutto insoddisfacenti. Ma il difetto maggiore è che sono mostruosamente lenti e questo in particolare presenta psicologie e ragionamenti decisamente moderni e molto poco medievali.

Le recensioni de L’Artiglio Rosa (Maria Teresa Siciliano – Matesi)

Post precedente

Emiliana De Vico al Women's Fiction Festival: promuovi il tuo libro

Post successivo

Giappone: Haiku, tanka, jisei. Facciamo conoscenza con la poesia giapponese

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

2 Commenti

  1. Babette Brown
    21 ottobre 2017 at 10:27 — Rispondi

    Sei stelline da dividere fra tre autrici! L’Artiglio Rosa non ha risparmiato le (giuste) critiche a questi tre romanzi.
    Con Teresa Siciliano vado sul sicuro: se lei dà 4/5 stelline, compro.

  2. Macrina
    22 ottobre 2017 at 11:02 — Rispondi

    Grazie, Matesi. Ne terrò conto per le mie prossime letture.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *