L'artiglio rosaRecensioniRubriche

L’Artiglio Rosa: Harp, Costantini-Falcone, Giorgi. Ancora un trittico italiano (anche se a prima vista non sembra)

C. K. Harp, Prima della fine (Serie Davis & Green, Volume Primo). Self-Publishing

Dieci vittime e una ragazza rapita da pochi giorni. Un killer efferato che filma i propri omicidi beffandosi della polizia e dell’FBI, senza alcuna rivendicazione, senza alcun apparente motivo se non quello di essere uno psicopatico che gode dei propri crimini.

È questo il caso che sta facendo impazzire il detective Jaxon Davis, sezione omicidi di Minnetonka, a pochi giorni dal Natale. E c’è un ricordo, fra tutti, che lo spezza e lo fa vacillare, che crea nel suo cuore un’ombra mortale che rende difficile ogni pensiero coerente. Ancora di più, l’amore sbagliato che prova nei confronti di Landon Green, giovane informatico piombato nella sua vita e pronto, sembra, a cambiare radicalmente ogni certezza, ogni muro costruito nel tempo. Il tempo, che sembra scorrere troppo velocemente, senza pietà, come se non ce ne fosse mai abbastanza, come se giungesse sempre nel momento sbagliato. Come se l’amore chiedesse il permesso di entrare quando decide di farlo…

Un bel romanzo * * *

Si tratta di un romantic suspense che ruota per un verso intorno all’amore fra Jaxon e Landon, per un altro intorno al tema del serial killer. L’aspetto sentimentale è sviluppato secondo le regole del new adult, il che è un po’ sconcertante se si considera che, se Landon ha 25 anni (e quindi oggi si può definire un ragazzo), Jaxon ne ha 45 e perciò dovrebbe aver ormai deciso che direzione prendere nella vita. C’è ovviamente la grande differenza di età a complicare i rapporti fra i due, ma nell’insieme mi pare che tutta la prima parte sia un po’ prolissa nella rappresentazione del lungo tira e molla fra loro. Migliore il filone giallo, basato su una tematica forte, ma trattato dall’autrice con molto garbo e moderazione. Insopportabile per me che il finale non sia del tutto autoconclusivo.

Una stella di meno per l’alto numero di refusi.

Laura Costantini – Loredana Falcone, Ricardo y Carolina (goWare Editore)

Abbandonare l’Italia e un pretendente in grado di garantirle un futuro nell’aristocrazia della Milano del XIX secolo. Questa è la scelta di Carolina. Rifiutare le convenzioni, inseguire la libertà. Anche di raccontare il mondo sulle pagine di un giornale. Per se stessa e per il Messico di Benito Juárez affronta l’oceano, le diffidenze, i nobili bigotti e reazionari, la monarchia asburgica, la tirannia francese. Per sentirsi parte della lotta dell’uomo che ha scelto di avere accanto, rinuncia a gioielli e crinoline e veste i cenci della revolución.

Carolina è figlia del Risorgimento, decisa a rischiare vita e onore in nome di un’idea di emancipazione che precorre i tempi. Ha dalla sua la forza della verità e dell’amore. Per la libertà. E per l’unico uomo che è riuscito a rubarle il cuore.

Un romanzo storico senza sconti per nessuno * * *

Non un romance, neppure un vero rosa, nonostante la presenza di ben due storie d’amore, piuttosto un romanzo storico d’avventura, duro, talora addirittura imbarazzante, soprattutto perché il comportamento dei quattro protagonisti, pur combattenti per la libertà, è spesso a dir poco trasgressivo: ad esempio abbiamo padre e figlio che corteggiano la stessa donna e il figlio medita di portarsela a letto anche dopo le eventuali nozze con il padre; oppure scene di sesso casuale con prostitute e simili anche ad opera dei due eroi della storia. Non parliamo poi di stupri e fucilazioni di ostaggi o di matrimoni bigami ad opera anche dei “buoni”. Un romanzo pieno di uccisioni spietate da entrambe le parti e anche spesso di morti molto cari al cuore di chi legge. Finale insoddisfacente.

Innegabile la buona qualità della scrittura, ma certo la vicenda fa soffrire acutamente e risulta davvero deprimente.

Qualche problema di riconversione sul kobo.

Viviana Giorgi, E infine la Bestia incontrò Bella (EmmaBooks, Collana Love)

Avviso ai possibili lettori: questo è un romance, ovvero un romanzo rosa, e come tale può giovare altamente alla vostra salute.

Nella sua nuova commedia romantica Viviana Giorgi ci riporta a Hope, Wyoming – lo stesso villaggio di Tutta colpa del vento e di un cowboy dagli occhi verdi – che diventa così lo sfondo ideale per un omaggio ironico e sensuale a La Bella e La Bestia, la sua fiaba preferita.
Ray predatore Raider, attaccante di punta degli Ice Breakers di Denver, è un uomo arrabbiato, più furioso di una bestia feroce chiusa in gabbia. E non che non ne abbia ragione. In un assurdo incidente automobilistico non solo si è fracassato un ginocchio, cosa che non gli permetterà mai più di stringere un bastone da hockey, ma ha pure investito un bambino. Il piccolo giace ora in coma in un letto di ospedale e lui darebbe anche l’altro ginocchio perché si risvegliasse…
Bella Satton scrive di moda sulle pagine del “Tribune” di Denver, ma non ne può più di abiti e stilisti. Così, quando il direttore le offre di prendere parte alla misteriosa Operazione Grande Fratello, lei accetta senza pensarci troppo: in un periodo in cui la privacy di tutti è minacciata da un onniveggente occhio digitale, Bella dovrà letteralmente sparire per un mese e dimostrare così che chiunque può trasformarsi in un’ombra invisibile. Ci riuscirà?

“Viviana Giorgi scrive come noi respiriamo e i suoi romanzi sono un’oasi fresca nelle nostre vite caotiche, senza per questo diventare storielle da poco. Niente affatto! Sono un puzzle in cui ogni elemento s’incastra alla perfezione con gli altri, dimostrandoci una volta di più che l’autrice ha in pugno le sue storie e le nostre menti.” Babette Brown (Babette Brown legge per voi)

Amante dei bassotti e dei gatti rossi, Viviana Giorgi scrive per lo più commedie romantiche contemporanee, ma ogni tanto si lascia tentare anche dal lato più sorridente e vivace del romance storico, suo primo indimenticato amore. Le sue eroine? Che vestano in jeans o in stile impero sono donne forti, determinate a farsi strada nella vita, a volte anche a scapito dell’amore (ma il lieto fine è sempre assicurato). I suoi eroi? Gloriosamente da sballo. Perché… se si deve sognare, meglio farlo alla grande, no? Visitate il suo sito e la sua pagina FB. La trovate anche su Twitter e su Goodreads!

Fra risate, amore e un po’ di giallo * * *

La prima parte raggiunge davvero alti livelli: una Giorgi brillante prima maniera che fa ridere di cuore. Poi la trama devia verso una direzione più specificamente romance e forse il finale è tirato troppo in lungo.

Quattro stelle all’autrice, una di meno alla casa editrice per la presenza di refusi.

Le recensioni de L’Artiglio Rosa

Post precedente

NEWS: Oscar, canaglia dal cuore tenero, di Leah Weston

Post successivo

Istanti di Poesia: Poesie del terrore, di Saverio Bafaro

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

1 Commento

  1. C.K.Harp
    1 aprile 2017 at 8:16 — Rispondi

    Tre stelle a tutti e non se fa torto a nessuno 😀 Grazie mille a Matesi anche per la chiacchierata! <3

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *