L'artiglio rosaRecensioniRubriche

L’Artiglio Rosa: Garwood, Gibson, Phillips

Julie Garwood, Una sensuale vendetta – Introvabili 31 (Mondadori)

Vogliono ucciderlo. Seminudo, il barone Duncan di Wexton è legato a un palo nella corte del castello, con lo sguardo fisso sui soldati che si fanno beffe di lui, aspettando che il gelo lo finisca. Ma come un angelo, Madelyne attende nell’ombra che gli aguzzini al soldo di suo fratello se ne vadano per liberarlo. La ragazza sa benissimo che dopo che sarà intervenuta per aiutare il nemico non le resterà altra scelta che la fuga. Quello che Madelyne non si aspetta è che Duncan la trascinerà in un gorgo di passione, prima tenendola in ostaggio nella sua fortezza e poi rubandole il cuore, tra infidi e spietati giochi di potere per il trono d’Inghilterra.

Note: UNA SENSUALE VENDETTA (Honor’s Splendour) è una delle opere più famose di Julie Garwood, celebre autrice di oltre trenta romanzi sia storici sia contemporanei.

Tra le altre opere di Julie Garwood pubblicate da Mondadori, ricordiamo NERA COME L’OMBRA (Shadow Music) nella collana I Romanzi Classic; DESIDERIO RIBELLE (Rebellious Desire) nella collana I Romanzi Emozioni; LA DAMA DELLE NEBBIE (The Bride) e TU E NESSUN’ALTRA (The Secret) nella collana Oro Introvabili; NEL CASTELLO DI CONNOR (The Wedding), PADRONA DEL SUO CUORE (The Lion’s Lady), IL PIRATA GENTILUOMO (Guardian Angel), LA DOTE DI SARA (The Gift), SPIRITO RIBELLE (Castles), INDOMITA ATTRAZIONE (Ransom) e LA SPOSA RIBELLE (Gentle Warrior) nella collana I Romanzi Introvabili.

Ambientazione: Inghilterra, 1099.

Premi e riconoscimenti della critica: All About Romance DIK (Desert Isle Keeper).

Un romanzo d’appendice * * *

Storia d’amore lunga e lenta, a volte un po’ noiosa. Ma il punto più debole è sul versante dell’azione, che è confusa e incoerente. O almeno io non saprei ben ricostruire l’esatta dinamica degli eventi.

Rachel Gibson, Stai zitto e baciami – Emozioni 53 (Mondadori)

Per Vivien Leigh Rochet, nota stella del cinema hollywoodiano, tornare a Charleston ha il gusto dolceamaro del passato, e ora che sua madre è mancata improvvisamente calde lacrime riempiono i suoi occhi. Forse Macy Jane non è stata un genitore perfetto, ma l’ha amata come nessun altro al mondo. Sola nella vecchia casa nella Carolina del Sud, Vivien accetta l’aiuto di Nonnie Whitley-Shuler, la ricca signora per cui la madre lavorava come donna di servizio, per organizzare il funerale e sistemare tutto. E la scopre diversa dai suoi ricordi infantili. Ma forse per Vivien la sorpresa più grande è rivedere Henry, il maggiore dei figli di Nonnie: tra i due scocca subito la scintilla di un amore inestinguibile…

Note: STAI ZITTO E BACIAMI (Just Kiss Me) è una delle opere più famose di Rachel Gibson, acclamata autrice di numerosi romanzi contemporanei.

Tra le opere di Rachel Gibson già pubblicate da Mondadori nella collana I Romanzi Emozioni, ricordiamo UN’OCCASIONE D’ORO (Rescue Me), IRRESISTIBILE (Simply Irresistible), UN AMORE IN GIOCO (See Jane Score), CHE GUAIO, SAN VALENTINO! (The Trouble With Valentine’s Day), D’AMORE E ALTRI DISASTRI (True Love and Other Disasters), IN AMORE SOLO GUAI (Nothing But Trouble) e UN’ALTRA VOLTA, ANCORA (Any Man of Mine).

Ambientazione: America, Stati Uniti, oggi.

Una soap scadente * *

Non sono mai stata una fan della Gibson, ma forse questo è il suo peggior romanzo di sempre, almeno secondo me.

Comincia con una storia d’amore (o quello che è) lentissima, che si svolge nel presente e, grazie all’uso dei flashback, anche all’epoca dell’infanzia della protagonista. Per la verità non si capisce perché venga aperta una finestra su un’epoca così lontana, senza raccontare nulla di importante, e personalmente io non l’ho capito neanche alla fine.

Poi a metà volume c’è un grande colpo di scena, che costringe chi legge a riconsiderare da capo la vita di tutti i personaggi, ma, direi, con poco succo e pochi risultati.

Sempre lentissima anche la parte conclusiva, né l’autrice riesce a preparare in qualche modo il lieto fine.

Alcune parole saltate.

Susan ElizabethPhillips, La prima stella della notte (Leggereditore)

Piper Dove è una ragazza ambiziosa e determinata: il suo sogno è diventare la migliore detective di Chicago e riscattare un passato difficile e tormentato. Il suo primo incarico consiste nel pedinare Cooper Graham, celebre ex quarterback dei Chicago Stars, una vera e propria star in città. Peccato che venga scoperta quasi subito… Ora che rischia di perdere casa e agenzia, Piper non ha altra scelta che accettare il lavoro nel club alla moda di Cooper, lo Spiral, ma la vita dell’ex campione negli ultimi tempi è diventata piuttosto movimentata e rischia di coinvolgere la ragazza in affari ben più pericolosi di una crisi finanziaria. Qualcuno ce l’ha con Cooper e sta facendo di tutto per sabotare le sue attività e minarne la popolarità. Piper sa che ormai è troppo tardi per slegare il proprio destino da quello di un uomo che la attrae terribilmente e che sente poter essere quello giusto. Perché niente intriga di più lo spirito competitivo di uno sportivo che una sfida impossibile: conquistare una donna spaventata dai sentimenti.

Un nuovo, eccitante capitolo di una delle saghe romance più acclamate. La storia complicata e pericolosa di una donna disposta a rischiare il tutto per tutto per la vita che sogna di conquistare.

Un romantic suspense * * *

Tutto sommato, la Phillips ha scritto un buon RS. Mi sono anche divertita qua e là, ad esempio quando Coop fa la “gara” di jogging con un ragazzo o la prima volta fra i protagonisti.
Però il finale è un po’ lento.

Purtroppo sono molti, invece, i refusi e gli errori di grammatica. Per cui quattro stelle all’autrice, una di meno alla casa editrice.

P.S. Qualcuno mi spiega il titolo? Perché mi pare che in tutto il romanzo non ci sia nessun riferimento a stelle, né in senso proprio né in senso traslato.

Le recensioni dell’Artiglio Rosa (Maria Teresa Siciliano – Matesi)

Post precedente

Sette giorni con Mary Balogh: si chiude con tre spose

Post successivo

Quattro giorni con Lisa Kleypas: La Serie Stokehursts

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *