L'artiglio rosaRecensioniRubriche

L’artiglio Rosa: Adele Vieri Castellano, Viviana Giorgi, Rosanna Fontana – R. Vera

Adele Vieri Castellano, Irriducibile

Serie Legio Patria Nostra, Volume II

Emma Books (Romantic Suspense)

Tre come i moschettieri. Pericolo, avventura, missioni speciali, a volte senza ritorno. Eppure loro, i tre legionari, ce l’hanno fatta. Ora hanno fama, denaro, donne, una palestra a Roma in cui insegnano arti marziali. E quando un amico chiede un favore non si può che assecondarlo, anche perché in quanto ex soldati, che hanno vissuto più vite in una sola, perseguono un unico obiettivo: proteggere i deboli. Per questo Riccardo Gardini, il più irriducibile dei tre, accetta di diventare la guardia del corpo di Elena Verri Pallavicini, avvocato milanese dagli occhi e dal carattere raggelanti. Comincia come un favore l’avventura che diventerà ben presto qualcosa di profondamente diverso, che lo costringerà a guardare al passato e ad affrontare il dolore di una perdita di cui ancora porta le stigmate. L’avventura che cambierà la sua vita. Per sempre.

Più suspense che romantic * * * * *

Ho bisogno di dirlo subito come prima cosa: Riccardo non è un eroe, neppure del tipo freddo e chiuso, è proprio un insopportabile maschilista becero. E il termine che ho in mente sarebbe molto meno elegante.

Però il filone giallo è concentrato ed essenziale, senza incertezze e prolissità. Lo stesso vale per il lato sentimentale, per cui l’autrice è riuscita a trovare il modo più efficace per far innamorare un protagonista del genere, senza melensaggini e sbrodolamenti.

Solo qualche sbavatura linguistica.

Viviana Giorgi, Ma Cupido ha i tacchi a spillo?

Emma Books (Love)

E se Cupido fosse una robusta infermiera dell’est e la sua freccia un tacco a spillo? Claudia non lo avrebbe mai creduto possibile se l’esuberante Stilettova (come l’ha soprannominata fra sé) dopo averle trafitto senza pietà un alluce non l’avesse condotta dritta dritta tra le braccia del dottor Andrea Di Carlo. La storia di Claudia e Andrea parte così, in quarta, indifferente a chi non li vorrebbe vedere insieme e con la sorpresa di un viaggio in Sud Sudan. Viviana Giorgi torna con una commedia romantica che ci farà sorridere, sospirare e chiederci perché certe storie non ci capitino mai. Lieto fine assicurato, ma con qualche riflessione qua e là su chi è meno fortunato di noi.

Una deliziosa commedia brillante****

Romanzo breve molto divertente nella prima parte con l’esuberante, impagabile Stilettova e una serie di “incidenti” per cui si ride di cuore. Ma proprio da sbellicarsi dalle risate.

Un po’ diversa la seconda parte in cui il tono diventa più serio e forse si mettono in campo troppi temi che non è possibile sviluppare nello spazio a disposizione.

Diciamo: quattro stelle per arrotondamento.

Rosanna Fontana – R. Vera, Una famiglia per caso

Self-Publishing

«Ciao, io mi chiamo Jill e lui è Liam, il mio fratellino. La nostra mamma non sta bene e papà sta lavorando, lui è un super eroe. Abitiamo a casa nostra con zio Derek e la sua fidanzata, Stacy. Zio Derek è un musicista e zia Stacy è… Come dice zio? Confusiva, complessiva… Non mi ricordo, però è fissata con la pulizia. Si stanno prendendo cura di noi ma non sempre le cose filano lisce, io ci provo a farmi ascoltare, a non farli litigare. Quando si chiudono in camera non riesco proprio a immaginare cosa possano combinare.
Io so molte cose, sono una bambina sveglia, per esempio io so come nascono i bambini. Voi lo sapete?
E poi so che questa storia vi piacerà, perché è divertente, romantica, profonda.

Liam vuoi aggiungere qualcosa?»

«Geato!»

Carinissimo***

Commedia brillante, anche un po’ demenziale, riuscita soprattutto nella prima parte. Si ride spesso di cuore. Ma dietro ci sono questioni serissime e una concezione della famiglia aperta.

Le recensioni de L’Artiglio Rosa (Maria Teresa Siciliano-Matesi)

Post precedente

Recensione: Il pallonaro, di Luigi Romolo Carrino

Post successivo

Gli occhi del desiderio, Fan-Fiction di Sarah Bernardinello, quinta puntata

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

1 Commento

  1. Viviana Giorgi
    25 marzo 2018 at 19:11 — Rispondi

    Grazie mille Maria Teresa per la bella recensione. Tiro un sospiro di sollievo.
    Viviana

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *