L'Artiglio ArcobalenoRecensioniRubriche

L’Artiglio Arcobaleno: Harper, Witt, Henry-Rock

Kaje Harper, Allo scoperto

Lezioni di vita, Volume II

Triskell Edizioni

Per Mac, detective della Omicidi, è stato un buon anno. Trovare Tony quando tornava a casa lo ha reso un poliziotto e una persona migliore. Per Tony, invece, è dura essere innamorato di un uomo che non può nemmeno sfiorare in pubblico. Nascondersi e dover mentire agli amici e alla famiglia rovina in parte la sua relazione con Mac, ma Tony è determinato a farla funzionare.
Ma quando il Dipartimento di polizia di Minneapolis è chiamato ad affrontare un’estate umida e bollente, Mac deve sostenere una sfida diversa. Un serial killer ha ucciso due donne bionde e la polizia brancola nel buio. Mac odia l’idea che solo un altro omicidio possa risolvere il caso. E quando l’assassino colpisce ancora, lo fa molto vicino a Tony.

D’improvviso, Mac si trova davanti a un ultimatum: uscire allo scoperto e vivere accanto a Tony come l’uomo che ama o andarsene e vivere senza la metà del suo cuore.

Un romanzo splendido * * * * *

Romantic suspense molto avvincente nei suoi due filoni: quello giallo, su cui, secondo le regole, non ho intenzione di anticipare nulla, e quello sentimentale m/m. Vengono rappresentati tutti i problemi legati all’essere gay: dall’intolleranza da parte di tradizionalisti ed omofobi anche religiosi alla necessità di imparare a difendersi dai malintenzionati, dal rapporto con le famiglie alla difficoltà di fare outing perfino sull’ambiente di lavoro, dal rapporto con i minori a quello con i servizi sociali.

La Harper approfondisce molto anche le psicologie di tutti i personaggi, cosa particolarmente apprezzabile nel caso dei due bambini, ed è una scrittrice veramente straordinaria: basta notare il tema dell’armadio che nel romanzo acquista un peso significativo.

L. A. Witt, Desidera il prossimo tuo

Tucker Springs Volume IV

Triskell Edizioni

Gli opposti si attraggono, ma che il Cielo aiuti questi due.

Il tatuatore Seth Wheeler pensa di aver fatto centro quando Darren Romero affitta l’appartamento di fronte al suo. Il nuovo inquilino è bellissimo, spiritoso e single; in più è un mix perfetto di audacia e civetteria. Perfetto.

Non fosse per il fatto che Darren gli rivela di essersi trasferito a Tucker Springs per assumere il ruolo di pastore per la congregazione giovanile della New Light Church. Seth è un ateo e inoltre è stato cacciato di casa dalla sua famiglia ultra-religiosa quando ha fatto coming out. Tende a evitare i credenti, non tanto a causa di un pregiudizio, quanto piuttosto per auto-conservazione.

Darren tuttavia non si arrende facilmente, e piano piano riesce a minare le difese di Seth. Darren è tutto ciò che Seth desidera in un uomo… tranne per quell’enorme dettaglio che proprio non riesce a ignorare. È la religione di Darren il vero problema, oppure si tratta solo di una comoda cortina di fumo che impedisce a Seth di affrontare paure più profonde? Si tratta di vedere la luce o rischiare di allontanare Darren per sempre.

L’amore vince su tutto * * * *

Quando si legge un m/m in cui i protagonisti sono un ateo e un sacerdote, o forse sarebbe meglio dire un pastore, noi cattolici, anche di mentalità aperta, siamo sempre un po’ imbarazzati. Alla perplessità che proviamo all’idea di un uomo di chiesa che fa legittimamente sesso si aggiunge la difficoltà di superare il tabù dell’omosessualità, che per la verità è comune anche a molte confessioni protestanti. Solo alcune reinterpretano in senso moderno i passi dell’Antico Testamento sull’argomento e soprattutto mettono l’accento sulla discontinuità con la Buona Novella di Gesù che riassume i comandamenti in due e in nessuno si parla di sesso.

Non che le cose siano facili neanche in America, come si vede bene anche nelle vicissitudini di Seth e Darren, che pure vengono da famiglie molto diverse. Memorabile in proposito il riadattamento della parabola del figliol prodigo da parte del padre di Darren.

Un romanzo molto interessante.

Lisa Henry & J. A. Rock, I due gentiluomini di Altona

Playing the Fool Volume I

Triskell Edizioni

Male, sei scatenato.

La settimana dell’Agente Speciale Ryan “Mac” McGuinness si sta rivelando pessima. Non solo ha cominciato una nuova dieta, ma è anche stato incaricato di mantenere in vita tale Henry Page, il testimone più insopportabile del mondo.

Lavoro difficile considerato che Mac è a tanto così dall’uccidere lui stesso Henry e le sue citazioni Shakespeariane, le sue disquisizioni etiche e la sua ossessione per le uova.

A meno che ‘ucciderlo’ non sia esattamente ciò che ha in mente di fargli…

Il truffatore Henry Page preferisce tenersi alla larga dalla legge… anche se non gli dispiacerebbe affatto avvicinarsi un po’ di più al rigido e affascinante Agente McGuinness. Come unico testimone di un delitto di mafia, Henry è di grande valore per l’FBI, se non fosse che i suoi programmi non includono il testimoniare.

La comparsa di una talpa negli uffici dell’FBI costringerà Mac e Henry a nascondersi. Rinchiusi in uno chalet, resteranno sorpresi nello scoprire che c’è altro tra loro oltre alla semplice attrazione.
Ma la mafia si avvicina e Henry dovrà fuggire. A Mac toccherà capire quanto è disposto a rischiare per tenerlo accanto a sé.

Un romantic suspense anomalo * * * *

Si presenta come un RS, anche se il filone sentimentale non trova piena espressione. In realtà per ora (perché siamo all’inizio di una serie formata da volumi, sembrerebbe, strettamente connessi) si approfondisce soprattutto il nascere di un amore, a prima vista improbabile, fra un poliziotto ed un simpatico giovane truffatore, ispirato chiaramente al film Prova a prendermi, ma con risvolto gay e numerosi riferimenti shakespeariani. Spesso molto divertente, nonostante la cupezza dello sfondo. L’indagine gialla arriva a conclusione, per il resto dovremo aspettare la prossima puntata.

Ed è l’unico difetto di questo romanzo.

Le recensioni de L’Artiglio Arcobaleno

(Maria Teresa Siciliano-Matesi)

Post precedente

News: Lois & Luke - Giro di vite, di Annemarie De Carlo

Post successivo

Recensione: Il codice, di R. J. Scott

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *