L'Artiglio ArcobalenoRecensioniRubriche

L’Artiglio Arcobaleno: Harper, Northcote, Thomas

Kaje Harper, 1,5 E a tutti, una buonanotte

Serie “Lezioni di vita”, 1.5

Triskell Edizioni

In Lezioni di vita, il detective Mac e l’insegnante Tony hanno deciso che una relazione, anche se tenuta nascosta, vale la pena di essere vissuta, nonostante i rischi e le difficoltà.

Ora Tony deve andare a trovare la famiglia per le festività, per cui i due si ritrovano a essere separati.
Sulle spiagge della Florida, Tony riflette sulle gioie e sui problemi della loro vita insieme, mentre Mac, sotto la neve in Minnesota, deve occuparsi di un caso di omicidio che in qualche modo lo tocca da vicino.

E la sera, al telefono, cercano di ritrovarsi grazie alle parole.

Un racconto natalizio anomalo * * * *

Si tratta di un spin-off di Lezioni di vita, ambientato nei giorni immediatamente precedenti il Natale. Tony e Mac lo passeranno separati, a causa dell’esigenza di tenere segreto il loro legame, come ci è stato spiegato nel precedente volume. Qui però il filone giallo è del tutto secondario: probabilmente ha solo la funzione di fare intendere a Mac la necessità di non perdere le occasioni che la vita ci offre. E quindi per ora l’unico mezzo di comunicazione fra i due sarà il telefono con la possibilità di addormentarsi senza riattaccare, sentendo l’uno il respiro dell’altro.

P.S. Assolutamente controindicato leggere questo breve racconto per primo: lo dico per esperienza.

Jay Northcote, Quello che succede a Natale

JayBird Press

Se due amici fingono di stare insieme, quello che succede a Natale potrebbe trasformarsi in qualcosa di più?

Justin è recentemente e infelicemente tornato single. Il Natale si avvicina, e non vuole affrontare da solo il suo ex alla festa aziendale. Così Sean, il suo migliore amico e la sua cotta segreta di lunga data, si offre volontario per accompagnarlo e fingere di essere la sua nuova fiamma.

Sean ha sempre desiderato Justin da lontano, ma non ha mai avuto la possibilità di chiedere di più dell’amicizia. Fingere di essere il suo ragazzo non è certo un peso, e se Justin vuole usarlo per la sua rivincita lui è più che disponibile. Alla festa la recita e la realtà si confondono, e un bacio sulla pista da ballo porta a una notte di passione.

Dopodiché tutti e due partono dal presupposto che non succederà di nuovo, finché non interviene il destino. Bloccati insieme a Londra durante le vacanze cedono di nuovo alla tentazione. Ma quello che succede a Natale rimane a Natale… giusto?

Un new adult m/m * * *

Tipico romanzo breve giovanilistico (m/f o m/m non fa differenza) in cui i due protagonisti devono ancora trovare la propria strada e  Sean anche fare completamente i conti con il coming out, almeno nei rapporti con il padre. Basti pensare che mi sono dovuta persino sorbire una seduta di shopping, cosa che trovo sempre insopportabile anche negli m/f.

È la storia di due persone che si sono sempre amate sotto l’apparenza della semplice amicizia, ma non se lo sono mai detto per una serie di complicazioni, legate anche al loro orientamento sessuale.

L’atmosfera è quella tipica natalizia con tutto il tema degli addobbi e dei regali più la visione di film come Tutti insieme appassionatamente e Il mago di Oz.

La trama è basata su un gran numero di scene di sesso, mentre solo nella seconda parte si arriva all’approfondimento dei sentimenti.

Non ho capito bene l’uso del termine ‘sporco’ in contesti come ‘sorriso sporco’, ‘bacio sporco’ o ‘ritmo sporco’, ma certo casuale non sembra.

Thomas B.G., Un vero cowboy

Dreamspinner Press Italia

Da tutta la vita Bryan ama perdersi in un mondo di fantasie western. Nella speranza di attirare l’attenzione di un vero cowboy, ogni volta che va nel suo locale preferito, si veste in un modo che induce perfino il suo coinquilino a chiamarlo “drag cowboy”. Quando Curtis gli offre una birra, però, Bryan non ha dubbi sul fatto che l’uomo sia un esemplare di quelli autentici. Ma riusciranno i due a spingersi oltre una notte di sesso incredibile dopo che Bryan avrà svelato a Curtis che l’unico cavallo che abbia mai cavalcato è un pony a una festa di compleanno?

Un racconto breve * * *

Si tratta di una specie di new adult. Dico una specie perché, se Bryan ha finito da poco il liceo, Curtis, invece, è sulla quarantina, quindi molto più vecchio. Il ragazzo ha sempre provato il fascino della vita da cowboy, anche se non ne ignora affatto gli aspetti negativi, cioè la sporcizia, i dolori, i pericoli e le temperature estreme, ma nella realtà non ha mai visto una vacca e il massimo che ha cavalcato è stato un pony quando aveva 10 anni.

Nel piccolo ranch di Curtis avrà l’occasione di far l’amore su una balla di fieno e diventare lord Godiva sul cavallo dell’amante. Però la vita del cowboy non è più quella di una volta: Curtis alleva le vacche olandesi e le piccole Dexter mentre, invece dei cavalli, troppo costosi, usa i quad. Però la sua vita è il ranch. La trama è tutta qui e del resto non ci sarebbe spazio per altro. Ma il finale aperto sembra suggerire che la strada intrapresa da Bryan è quella giusta e siamo all’inizio di un vero amore.

Le recensioni de L’Artiglio Arcobaleno (Maria Teresa Siciliano-Matesi)

Post precedente

Recensione: Il Sorvegliante, di Paolo Lavelli

Post successivo

News: Il colore del caos, di Giovanna Roma

Maria Teresa Siciliano

Maria Teresa Siciliano

Professoressa di Italiano presso il prestigioso Liceo Classico Aristofane di Roma, adora leggere e recensire montagne di libri con penna intinta in un dolcissimo veleno. Temuta e amata in ugual misura, ha plasmato una generazione di feroci lettrici di romance.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *