Rubriche

“Lady Thriller” a Bologna-Eventi: una lezione di stile

Premessa: nel delirio del dicembre bolognese, rutilante di corse ai regali natalizi e ingorgato dal traffico, il centro storico della ‘fosca turrita’ offre di tutto e di più, tranne che parcheggi e momenti di pausa. Se si aggiunge la nebbia che ha avvolto da qualche giorno la pianura e la difficoltà di raggiungere la città per chi è venuto in auto, abbiamo già chiaro che l’essere riusciti a stare insieme è stato un mezzo miracolo, ma come sempre ce l’abbiamo fatta.

Venerdì 4, Elisabetta Cametti è arrivata alla Mondadori Megastore con un sorriso per tutti, nonostante le sei ore di coda in autostrada e i giri impossibili per una Bologna bloccata dallo sciopero dei mezzi. Io al suo posto sarei stato idrofobo, e mi aspettavo infatti che arrivasse nevrastenica; lei invece sembrava fresca come una rosa e, per tutta la presentazione, ha ammaliato i presenti (e me) con l’energia e l’entusiasmo che sembravano sgorgare da lei senza fine.

E il relatore? Beh, ero io… E vi confesso che presentare una tale professionista è innanzitutto rassicurante, perché Elisabetta Cametti è in grado di prender per mano te e la situazione in qualsiasi momento, e senza fare una piega. Confesso che un paio di volte mi sono impappinato nella lettura, ma per il resto credo di non aver fatto scemenze. In definitiva, con la sua presenza e per diversi motivi, Elisabetta Cametti ha elargito a piene mani lezioni di carattere, professionalità e, perché no, stile, quando altri (forse anch’io) non l’avrebbero avuto.

Ha presentato il suo thriller come meglio non avrebbe potuto, ha risposto esaustiva alle domande, ha di nuovo dispensato una manciata di sorrisi e, senza quasi prender fiato, è ripartita. Una macchina da guerra che mi ha impressionato, ma d’altronde, se così non fosse, non sarebbe quella che è: un personaggio.

Arrivederci Lady Thriller, io mi sono portato a casa un’esperienza da non dimenticare.

L’articolo esce in contemporanea con l’intervista che l’emittente TV QuiBologna ha fatto a Elisabetta Cametti: http://www.quibologna.tv/tempo-libero-video/4686-tra-le-dita-le-29-ore-di-elisabetta.html

OoO

L’autrice nel Blog: http://babettebrown.it/?s=Elisabetta+Cametti

OoO

La fotografia è di Antonello Degli Esposti.

Post precedente

Città diverse, ma identiche nebbie: Alessandro Reali a Bologna-Eventi

Post successivo

Victorian Vigilante: recensione di Federica D'Ascani

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *