News

La trasgressione, di C. L. Parker

Ecco il seguito delle bollenti avventure di Lanie e Noah.

Editore: Newton Compton
Edition (20 marzo 2014).
Pagine: 288 / 215.
Prezzo: euro 9,90 (cartaceo);
euro 4,99 (ebook).
Per visualizzare o scaricare
un estratto del libro, QUI:

Per due milioni di dollari il ricco e affascinante
Noah Crawford ha fatto sua Laine Talbot e l’ha trascinata in un mondo di
irrefrenabile piacere. In cambio del denaro, Lanie ha accettato di essere la sua schiava sessuale per due anni: per mesi, ha vissuto con lui nella sua lussuosa villa ed è stata sempre a
disposizione per soddisfare tutte le sue fantasie. Lei è la donna più attraente
che lui abbia mai conosciuto, un’allieva fantastica, ma adesso è il momento di
liberarla: non potrà essere sua per sempre. Non ora che Noah ha scoperto che
cosa l’ha spinta a vendere il suo corpo. Lanie non può credere che lui la
voglia davvero lasciare andare. Non dopo tutto quello che c’è stato tra loro.
Un sentimento profondo si è fatto strada durante i loro appassionati incontri.
Lanie lo sa e dovrà dimostrarglielo, affrontando il nemico che sta tramando
per distruggere Noah e l’oscuro segreto che aleggia sulla sua vita.
C’è un confine molto sottile tra l’amore e
l’ossessione. 
Un successo internazionale.
Dal sito della Casa Editrice Newton Compton…
«Un romanzo ricco di bollenti
scene erotiche, con un finale a sorpresa. Ne vorrete ancora.» Publishers Weekly
«L’appassionante storia di
una Cenerentola dei nostri giorni in un romanzo straordinariamente sensuale.» RT
Book Reviews
«Amore, segreti, sesso,
desiderio… Una storia esplosiva. Se vi è piaciuto Cinquanta sfumature non
potete perdervela.» 23 Review Street
C.L. Parker è un’autrice di storie erotiche. “La trasgressione” è
l’attesissimo seguito del romanzo “La proposta”, già pubblicato da Newton
Compton. 
“La proposta” era nato come una fan fiction, ma dopo il successo di
Cinquanta sfumature, il sito è stato preso d’assalto e i fan si sono scatenati
chiedendo a gran voce che il suo romanzo fosse pubblicato.

Più che di “trasgressione”,
io parlerei di “regressione”. Se i personaggi di Lanie e Noah ci erano sembrati
immaturi nel primo volume, in questo nuovo romanzo sono tornati all’adolescenza
spensierata / problematica, con in più tanto sesso bollente. Trattandosi di un
erotico, ce l’aspettavamo e, in effetti, le scene di sesso sono la parte
migliore di tutta la vicenda. Purtroppo, condite dalle solite espressioni
demenziali: Passerina interiore, Culo d’Artista, Pistolino prodigio e così via.
Il trapianto di cuore alla
madre di Lanie è perfettamente riuscito e la signora si è evidentemente
risvegliata in tutti i sensi, dopo l’anestesia: chiede misure e prestazioni dello
stallone che si è preso sua figlia senza colpo ferire (se proprio non vogliamo
accennare ai due milioni di dollari sborsati all’asta!), spalleggiata da due
ottenebrate mentali che si definiscono le migliori amiche di Lanie.
Mi dico sempre che i tempi
sono cambiati e che io sto vistosamente invecchiando. Però… Pero… Tanto vecchia
non sono, se le scene hot mi piacciono tanto e mi scandalizzano poco! Quello che
mi deprime è assistere a questi siparietti della serie “non sono tua madre,
sono un’amica con cui puoi confidarti…e dimmi, quant’è lungo il Gracious Plenty
di Noah?” Lo so, ho rubato l’espressione a Sookie, cosa volete farci!
Per fortuna, a risollevarci
il morale, torna il cattivo di turno. Deciso a rubare tutto al povero Noah: la
società, Lanie, il rispetto degli altri, eccetera. Quando si vogliono far bene
le cose, non si bada a spese. Purtroppo il malvagio viene sconfitto e la
storiella si adagia confortevolmente sulla falsariga delle sfumature, compresi
matrimonio e prole. Dimenticato niente? A sì, l’orrenda impressione che ci sarà
un terzo volume. Le disgrazie non vengono mai da sole.

Una stellina.

Per leggere la recensione del primo volume, QUI:
http://babettebrown.it/la-proposta-di-c-l-parker/

Post precedente

Simone Lari e Kage Queen

Post successivo

Wife with benefit, di Cecile Bertod

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *