Gli amici del MagRubriche

La lista della spesa de Il VeloNero

Vi ricordate la frase famosa “Di quell’autore leggerei anche la lista della spesa”? Bene, l’idea di proporre una chiacchierata di mercoledì agli amici scrittori è venuta proprio a Il VeloNero, che nel Blog gestisce la Rubrica SelfHelp. Pressata da più parti, “Ma come, lanci il sasso e nascondi la mano?”, la nostra si è messa d’impegno e ha scritto questo racconto che, a dirla tutta, ci ha fatto sbellicare per le risate convulse.

DAL FERRAMENTA

«Suor Ipaziaaaaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!»
«Sì, Madre?»
«Ma che cosa hai comprato?!»
«Quello che c’era sulla lista che mi ha dato lei, Superiora. L’ho consegnato al commesso e lui mi ha dato tutto quello che c’era scritto sul biglietto: mi ha assicurato che non mancava nulla».
Suor Ipazia sbatacchia le palpebre sugli occhi cerulei e sbigottiti, che dietro gli spessi fondi di bottiglia che usa al posto degli occhiali sembrano immensi. Tira fuori dalla tasca interna dell’abito talare un foglietto ripiegato in quattro, lo spiega e sventola la pagina strappata di una vecchia agenda, sulla quale è segnato tutto l’occorrente che Suor Dalmazia, cuoca e indiscussa regina del faidate di tutta la congrega, ha richiesto per i piccoli restauri di primavera.
«Suor Dalmaaaaziaaa!».
La Superiora chiama anche Suor Dalmazia che arriva di corsa tutta trafelata e si asciuga le grosse mani nel grembiule.
«Che cosa è accaduto, Suor Carpazia?», domanda allarmata alla Superiora.
«Che cosa hai ordinato dal ferramenta?».
Suor Dalmazia prende la lista della spesa dalle mani di Suor Ipazia, che, spaventata, è ammutolita.
«Barrette filettate…», legge Suor Dalmazia.
 E Suor Carpazia, la Superiora, estrae dallo scatolone una lunga barra con due manette all’estremità, la posa sul tavolo e si fa il segno della croce.
Suor Dalmazia continua: «Battiscopa in legno».
La Superiora tira fuori una paletta che ha l’impugnatura a forma di… meglio sorvolare…
«Perline in legno chiaro per decorazioni…»
«Ha detto che di legno non le aveva, le aveva di plastica… Colorate… niente decorazioni».
E qui Suor Carpazia prende in mano una serie di catenelle con sferette al silicone di colori vari.
«Mi ha detto che sulla confezione c’è l’immagine che spiega», dice Suor Ipazia e sbatacchia gli occhioni azzurri.
«Vedo!», risponde Suor Carpazia furiosa.
«Viti… Bulloni…», continua a leggere la cuoca. 
E qui è meglio soprassedere su quello che esce dallo scatolone.
«Solvente e olio svita-tutto…»
 Le illustrazioni sulla bomboletta costringono la Superiora a chiudere gli occhi e recitare l’Avemaria.
«E infine», legge suor Dalmazia, «trapano avvitatore a percussione».
«Ah, per quello mi ha venduto anche un DVD con le spiegazioni», puntualizza Suor Ipazia.
Suor Carpazia apre la valigetta e alla vista del trapano, anzi delle “punte di ricambio”, sviene di botto e crolla a terra.
«Suor Ipazia, credo che tu abbia commesso un piccolo errore, non sei entrata dal ferramenta, come ti avevo chiesto», dice Suor Dalmazia che tenta di soccorrere Suor Carpazia semimorta.
«Certo che sì! Sono andata in quel negozio nuovo, quello della pubblicità sul dépliant: “Hard, il Paradiso alla Catena”».

Trovate QUI “Un lungo fatale ultimo addio”, il Romance storico di Il VeloNero:

http://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_ss_c_0_8?__mk_it_IT=ÅMÅŽÕÑ&url=search-alias%3Daps&field-keywords=un+lungo+fatale+ultimo+addio&sprefix=un+lungo%2Caps%2C266

Post precedente

Intervista: RJ Scott

Post successivo

La scrittura? Rinunce e fatica! Parla Mariel Sandrolini

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

3 Commenti

  1. Babette Brown
    11 giugno 2015 at 10:38 — Rispondi

    Confesso che l’ho letta quattro volte. Ed è sempre una risata di cuore quella che mi salta alle labbra.

  2. velonero
    11 giugno 2015 at 18:14 — Rispondi

    Felice di averti fatto ridere, Babette

    • Babette Brown
      11 giugno 2015 at 19:17 — Rispondi

      Carissima,
      la risata era sollecitata anche da una tua -diciamo così- ambivalenza: come curatrice della Rubrica SelfHelp, sei estremamente seria e competente. Una professionista. Salvo che rendi divertente anche faccende da tagliarsi le vene (la legge sui cookie, l’account su Facebook). Questa tua verve salta fuori clamorosamente in queste pillole. Sì, mi sono rotolata per le risate. E sì, l’ho letta a tutti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *