Recensioni

La lista dei desideri, di Sylvia Day

Care amiche, dicembre è vicinissimo e Sylvia Day arriva con un racconto natalizio…

EDITORE: Mondadori (26 novembre 2013).
PREZZO: euro 8,42 (sconto Amazon) copertina rigida. Euro 4,99
formato Kindle.
PAGINE: 78.
Quando Stephanie suonò
il campanello e Nick andò ad aprire indossando solo un cappello da Babbo Natale
e un grembiule con scritto “Bacia il cuoco”, lei non ebbe esitazioni.
Lasciò cadere la borsa e gli saltò addosso.

Forse avrete capito che non si parla (se non marginalmente)
di cucina…
Sylvia Day imbastisce un divertente racconto natalizio del
quale tutte sogniamo di essere protagoniste.
Stephanie dimentica –lapsus freudiano- una wishlist natalizia
in ufficio e il diabolico, bellissimo, affascinante, sciupafemmine Nick la
trova. Scoprendo di essere lui il
regalo che Stephanie vorrebbe trovare sotto l’albero. Come darle torto? Nel
giro di due pagine, desideriamo anche noi Nick, con o senza (meglio senza)
grembiule da cuoco…
Una storiella senza pretese, ma scritta con il piglio deciso
che apprezziamo in Sylvia Day. Un racconto (78 pagine) che ci piacerebbe trovare
(lo so, ragazze, ma Nick risulta mooolto occupato) fra i pacchetti, la sera del
24 dicembre.
Il mio voto? Tre stelline.
La recensione è frutto della mia collaborazione con Insaziabili Letture.
Post precedente

CupCakes a colazione, di Nora Roberts

Post successivo

Non cercarmi mai più, di Emma Chase.

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *