Recensioni

Julia B. Williams: Indelebile

Titolo: Indelebile.
Autrice: Julia B. Williams.
Genere: Romance erotico.
Editore: Self Publishing.
Presso: euro 2,49 (eBook).

La valutazione di Macrina Mirti: quattro stelline.

Minerva è una ragazza davvero singolare: vive a Genova da poco più di un anno, si mantiene lavorando come tatuatrice, si nutre di esperienze adrenaliniche e rifugge ogni tipo di coinvolgimento emotivo, godendosi il solo piacere fisico. Lara, sua migliore amica e coinquilina, teme che l’isolamento forzato la trasformi nell’ombra di se stessa, perciò le propone di tornare a Panarea, l’isola della sua infanzia, l’isola in cui è stata felice.

È la seconda estate che Alessandro trascorre a Panarea: il divertimento non manca, le ragazze fanno la fila elemosinando le sue attenzioni e il gruppo di amici con il quale trascorre la maggior parte del tempo è perfetto, o quasi. Che cosa potrebbe volere di più? Tutto cambia quando i loro destini si scontrano. Minerva è sconvolta dall’attrazione che sente nascere nei confronti di uno sconosciuto, e Alessandro è stranamente affascinato da una delle ragazze più ostili e indomabili che abbia mai incontrato. Ma che cosa nasconderà? Non si può fuggire per sempre, soprattutto su un’isola così piccola.

Un racconto in cui passione e sentimento si rincorrono senza sosta. Un romanzo che insegna a credere nelle seconde occasioni e a sperare nel futuro. Una storia indelebile.

La protagonista del romanzo, Minerva, è una ragazza problematica. Fin dalle prime pagine capiamo che in lei c’è qualcosa che non quadra. La situazione precipita quando, partita per le vacanze a Panarea, incontra Alessandro, bello e affascinante, ma anche premuroso e gentile. Lui s’innamora di lei, ma lei dagli uomini vuole solo sesso. Come andrà a finire? Se volete saperlo, dovrete leggere INDELEBILE.

Il romanzo è molto hot, di quelli vietati ai minori, però mi è piaciuto e ora vi spiego il perché.
1) Ḕ scritto in maniera impeccabile, nonostante un paio di refusi. Quelli, però, possono capitare anche nelle migliori famiglie. Mi ha fatto molto piacere vedere una scrittrice self maneggiare la lingua con tale proprietà e maestria. Brava.
2) La vicenda è ambientata in Italia, in un’isola meravigliosa che, tra l’altro, conosco bene. Ne sono felice. Niente manie esterofile. Mi è piaciuta la descrizione dell’isola, delle spiagge, delle sue stradine, della vita vacanziera che vi si conduce.
3) La storia non è nuovissima, ma non mi ricordo più quale specialista di narratologia sosteneva che, in realtà, non esistono più di tre o quattro modelli di storie che si ripetono sempre. L’importante è il modo in cui l’autore combina tra loro i diversi elementi narrativi.
4) L’autrice rivela una buona dose di umorismo. La scena dell’aliscafo mi ha fatto sorridere e molto.
5) I personaggi sono ben delineati, con le loro motivazioni e i loro aspetti psicologici, anche se su uno (o una) di loro avrei qualcosa da ridire.
6) Mi è piaciuto Alessandro: gnoccolone (traduco: stupidone), ma adorabile. Li fanno ancora uomini così?
7) Ho trovato interessante il modo in cui il testo è strutturato: quattro parti, due con il PdV di lei e due con il PdV di lui. Così, non ci perdiamo nessuna angolazione della vicenda.

E ora passiamo a quello che non mi è piaciuto (non molto, in realtà).
a) Chiedo venia, ma Minerva è piuttosto antipatica. Anche se alla fine l’autrice spiega il perché del suo comportamento, non è riuscita a farmi cambiare opinione su di lei.
b) Lo so che in queste storie il lieto fine è obbligatorio, ma non sono stata preparata abbastanza al mutamento di rotta di Minerva, anche se ci speravo.

Comunque, nonostante questi appunti da prof occhialuta, INDELEBILE è un romanzo torrido, ben scritto, di ambientazione italiana e con un personaggio maschile da incorniciare.
La lettura è consigliata a tutte coloro che amano gli erotici non banali, con una bella trama, personaggi ben delineati, una bella ambientazione, emozioni forti e, soprattutto, una buona scrittura.
Credo che quattro stelline il romanzo di Julia se le meriti proprio tutte.

Post precedente

L'Artiglio Rosa del 4 giugno 2016

Post successivo

Colette e l'Intelligenza Artificiale

Macrina Mirti

Macrina Mirti

La passione per i romanzi Horror le deriva dalla professione che svolge: è insegnante in una scuola secondaria di secondo grado.
Nei (rari) momenti liberi, scrive come se non ci fosse un domani.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *