Interviste

Interviste: Elisabetta Rossi

Benvenuta. Raccontaci di te.
Elisabetta è una donna di 55 anni, una mamma di 24 anni e una giornalista di 31 anni, appassionata, coraggiosa e indipendente. La mia vita personale e professionale è caratterizzata da grandi presenze e da grandi assenze. Non conosco mezze misure. Sono una persona che divide, che piace o non piace.
Che tipo di scrittrice sei e qual è il genere che più ti rappresenta? Non mi ritrovo ad essere incasellata in un genere, anche perché prima di essere una scrittrice sono una giornalista. Diciamo che racconto storie e che la matrice sta nel mio approccio alla verità.
Racconto cose vere e, comunque, la finzione letteraria attinge dalla verità. Ovviamente siamo all’interno dello spazio della narrativa ma non saprei dire con certezza dove mi muovo ora e dove mi muoverò domani.
Hai un autore (o un’autrice) al quale (alla quale) ti ispiri? Non ho degli autori a cui mi ispiro in particolare: ammiro molto Italo Svevo, Italo Calvino, Alessandro Baricco, Indro Montanelli (il mio primo direttore), Tiziano Terzani e Clarissa Pinkola Estés.
Qual è il primo romanzo che hai pubblicato? Racconti colpevoli, edito
dal Gruppo Albatros, è il mio primo libro. Si tratta di un’antologia di racconti brevi. Alcuni fulminanti, altri avvolgenti. Tutti appassionati.
Quale sarà il prossimo? Sono già al lavoro sul prossimo libro. Mentre Racconti
colpevoli ingloba più storie, più esistenze peccatrici confessate e assolte dall’arte dell’ascolto, il prossimo riguarderà una sola storia che sto scrivendo, questa volta, da diversi punti di vista.
Da dove arriva l’ispirazione? L’ispirazione non arriva, ti possiede. E sei come uno stupido o un delirante in preda ad una mania. Quando poi è tutto finito vedi che il libro si è scritto da solo.
Hai un luogo speciale nel quale ti rifugi per scrivere? Il mio luogo è il mondo. Spesso prendo appunti mentre viaggio in treno, scrivo sull’ipad che porto sempre con me, scrivo sui margini bianchi dei fogli stampati, prendo appunti. Fino a quando mi ritiro nella mia casa (io dico “scendo nel laboratorio”) a sezionare, a mettere insieme i pezzi di quello che posso definire un delirio, il risultato di un pensiero costante alla ricerca del tempo perduto e del tempo ritrovato.
Qual è il tuo metodo di scrittura? Non ho un metodo, scrivo, scrivo, scrivo. Più che altro sarebbe corretto dire che ho bisogno di essere presa, di essere coinvolta, ho bisogno di amare le mie storie, di incontrarle, di sedurle e di essere da loro sedotta.
Come tieni separate (se ci riesci) la vita di tutti i giorni e l’attività di scrittrice?
Non ci riesco. Ma perché non mi sento soltanto una scrittrice e forse non la sono. Mi sento Elisabetta e vivere per me vuol dire scrivere. Quando non scrivo sto
elaborando pensieri che verranno scritti. Quando mangio, viaggio, dormo, leggo o incontro persone, io sto già scrivendo. Poi tutto prenderà forma.
Post precedente

Interviste: Elena Taroni Dardi ci parla della serie "Sisters"

Post successivo

Virginia Parisi ci parla di "Le Carte Veline"

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

2 Commenti

  1. Teresa Siciliano
    29 maggio 2015 at 14:33 — Rispondi

    Niente in comune con la Elisabetta Rossi, autrice di Anime ribelli e altri romanzi?

    • Babette Brown
      29 maggio 2015 at 17:03 — Rispondi

      Di seguito alcune notizie su Elisabetta Rossi.
      Elisabetta Rossi nasce a La Spezia il 20 luglio 1959, sotto il segno del cancro con ascendente scorpione.
      Inizia la sua attività di giornalista nella redazione genovese de Il Giornale, diretto da Indro Montanelli e si iscrive all’Ordine nazionale dei Giornalisti nel 1984.
      Collabora nel corso degli anni con il quotidiano della sera il Corriere Mercantile, con il quotidiano La Discussione.
      Fino a dicembre 2014, è capo redattore cultura di [email protected] e cura la rubrica giornalistica-tarologica “La Stanza delle Carte”.
      Svolge attività di ufficio stampa, pubbliche relazioni e organizzazione eventi per:
      Confcooperative, Confederazione delle Cooperative Italiane (Roma) API – Associazione piccole e medie industrie (Genova) Mandelli Industrie SPA (Piacenza) IST, Istituto scientifico Tumori (Genova) Combigas srl (Ravenna) Unogas Energia SPA (Imperia) Lampogas SPA (Parma) C.E.R. – Consorzio Emiliano Romagnolo fra le cooperative di produzione e lavoro (Bologna) L’attenzione costante ai fenomeni di costume, cultura e società le permettono di continuare a svolgere l’attività di giornalista freelance.
      Collabora con il mensile Nocturno Cinema in occasione della Mostra Internazionale Cinematografica di Venezia.
      Dal 2001, inizia a studiare il linguaggio dei Tarocchi come sistema di lettura e di scrittura che integra nell’offerta di consulenza e perCorsi nel campo della comunicazione personale e professionale per Enti, Organizzazioni, Aziende pubblici e privati.
      Sotto il profilo tarologico si forma seguendo i corsi di Andrea Vitali, storico del simbolismo e iconologo medievalista; si specializza e si diploma nella lettura psicologica dei Tarocchi Mitologici secondo il metodo di Liz Greene, astrologa e analista junghiana, presso The Mythic Triumphs Centre di Londra.
      Nel 2012 collabora con il regista Michele Capozzi per la realizzazione del docufilm “Bollezzumme”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *