Interviste

Intervista: Maria Masella

Bloccare
Maria Masella per un’intervista è un’impresa esilarante e faticosa. Con esiti
imprevedibili (e scarsi: questa sarà un’intervista telegrafica).

Da dove ti arriva
l’ispirazione?
Tutto
può far accendere la luce iniziale, che però dev’essere coltivata. Per me è
spesso un volto, una voce; a volte, è il ricordo di un posto dove sono stata.
Non è mai una musica. Memorizzo bene volti, luoghi, parole e voci, non un brano
musicale. Se ci sono le parole e mi piacciono, ricordo quelle… e basta!
Come scrivi? Penna, pc,
papiro…
Quando
ho cominciato, non c’erano i pc, quindi a mano e ripassavo a macchina (una
Olivetti che ho conservato). Dal 1986 su pc e ricordo il tormento con i floppy
e WS4! Word è una meraviglia.
Dove scrivi? Una stanza
tutta per te?
Studio.
Comodo e spartano. Una stanza senza “bella vista”. Ampia scrivania, sedia
impagliata, grande piano d’appoggio nella libreria alle mie spalle. La comodità
è il bagno accanto: non sono incontinente, ma fumatrice e, quando ho voglia di
una cicca, vado in bagno, apro la finestra e fumo.
Chi legge i tuoi romanzi
per primo?
A
volte la mia agente, altri li do direttamente all’editore (come capita con
Fratelli Frilli Editori per la serie Mariani) o all’editor (per Mondadori a
Marzio Biancolino). Per Rizzoli YouFeel a Alessandra Bazardi.
Come tieni a bada i
familiari, quando scrivi?
Nel modo più semplice. Vivo con mio padre in due
appartamenti molto comunicanti e do sempre la precedenza alle sue necessità.
Quando scrivi? Hai un
momento particolare?
Scrivo
quando posso, non ho esigenze particolari. Accendo il pc e scrivo. Non lavoro
più di due ore al giorno a causa del motivo che ti ho già indicato nella
risposta precedente.
Su
Amazon, una serie impressionante di titoli. QUI:
Maria
Masella ha un sito personale:
Anche
Wikipedia parla di Maria Masella:
Gli
ultimi due romanzi:
“Mariani
e le mezze verità”
“La
preda”

Post precedente

Parigi. Amori e altri disastri, di Marta Savarino

Post successivo

Interviste: Linda Bertasi

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

3 Commenti

  1. Teresa Siciliano
    7 dicembre 2014 at 12:35 — Rispondi

    Maria Masella è una grande scrittrice di gialli, secondo me all'altezza di giganti come Simenon. Ha scritto anche dei bellissimi romance, che sono rimasti nel mio cuore.
    La voce di Wikipedia non la rappresenta bene. Bisognerà metterci rimedio.

    • Babette Brown
      8 dicembre 2014 at 8:55 — Rispondi

      Complicato inserire testi in Wikipedia. Ho provato a farlo, una volta. Una fatica tremenda. Risultati? Nessuno.

  2. maria masella
    8 dicembre 2014 at 13:41 — Rispondi

    Wikipedia non è complicato, è solo questione di tempo (che non ho) e voglia (meno ancora!)

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *