In Cucina con MaddyRubriche

In cucina con Maddy: La treccia di frutta candita

La treccia di frutta candita è un dolce facile da preparare e di grande effetto. Piace ai piccoli e agli adulti. Ottima anche come merenda per un pomeriggio di festa.

Ingredienti:

400 gr di farina 00
200 gr di farina di manitoba
90 gr di burro
100 gr di zucchero
40 gr di lievito di birra
1 uovo + 1 tuorlo
1 baccello di vaniglia
3 dl di latte fresco intero + quello per spennellare
2 cucchiai di fiori d’arancio
100 gr di cubetti di frutta mista candita
100 gr di frutta disidrata
50 gr di granella di zucchero
Sale

Procedimento:

Sciogliete in una ciotola il lievito di birra con 1 dl di latte; aggiungete 20 gr. di zucchero e 50 gr. di farina 00. Mescolate bene e formate una pallina. Fatela lievitare in un luogo tiepido, coperta da un canovaccio.

Intanto mettete a bagno la frutta disidratata in una ciotola colma di acqua tiepida e lasciate ammorbidire il burro a temperatura ambiente.

Versate la farina rimasta in una ciotola disponendola a fontana. Aggiungete lo zucchero, il latte, l’uovo, l’acqua d’arancio; tagliate il baccello di vaniglia nel senso della lunghezza, togliete i semi e uniteli all’impasto, insieme a un pizzico di sale.

Impastate energicamente per almeno dieci minuti, incorporate la pallina di lievito e lavorate per altri dieci minuti. Amalgamate il burro e, quando risulterà assorbito, distribuite sopra la frutta disidratata e i canditi. Lavorate bene il tutto, formate una palla, incidetela a croce e fatela lievitare coperta dalla pellicola trasparente per circa due ore.

Lavorate ancora l’impasto per un minuto per sgonfiarlo, dividetelo in tre parti, formate tre cilindri e intrecciateli. Disponete la treccia sulla placca foderata con carta da forno. Spennellate la superficie con il tuorlo sbattuto con poco latte e spolverizzate la superficie con la granella di zucchero.

Fate lievitare per ancora un’ora e cuocete in forno già caldo a 180° gradi per trenta minuti.

Fate intiepidire e servite.

 

Le ricette di Maddy

Post precedente

Casa D'Ascani: La battaglia dei calzini spaiati

Post successivo

Recensione: Assoluzione, di Sloane Kennedy

Maddalena Cafaro

Maddalena Cafaro

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *