Pensieri sparsi

Il Signor Censore ha colpito ancora

Il nuovo romanzo noir di Fabio Beccacini “MENTRE TORINO DORME” sta suscitando scalpore a causa di un reclamo inviato da un lettore che per motivi di privacy e comodità La Casa Editrice Fratelli Frilli ha soprannominato “Sig. Censore”.

Riporto di seguito stralcio del reclamo che la CE ha ricevuto per e-mail:

“…desidero protestare contro la vostra pubblicazione MENTRE TORINO DORME. SEPPUR IN FORMA NARRATIVA, LEDE IL BUON COSTUME E LA CULTURA ITALIANA. Infatti sono diverse le pagine con argomento sessuale immorale, diverse parolacce, e può creare pensieri negativi nei lettori per come tratta argomenti che possono un po’ istigare alla devianza…”

Ho chiesto lumi a Carlo Frilli, il quale gentilmente mi ha mandato il libro incriminato (presto la recensione) e la fotografia dell’articolo uscito giovedì 17 marzo 2016 su Torino Cronaca, nel quale si parla del “Sig. Censore” che vuole il ritiro del nuovo romanzo appena distribuito nelle librerie.

11063672_245468579122717_1302298573228920014_o

Per concludere, la citazione che segue mi sembra la più appropriata, rappresentativa e aderente ai fatti sopra descritti:

“Ecco perché un libro è un fucile carico nella casa del tuo vicino. Diamolo alle fiamme! Rendiamo inutile l’arma. Castriamo la mente dell’uomo.” (Ray Bradbury “Fahrenheit 451”- 1953)

Post precedente

News: Maria Viani e le ombre del '68

Post successivo

News: Per sempre giovani, di Simona Diodovich

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *