Recensioni

Il mio nome è Patty Boom Boom, di Silvia Mango.

A N T E P R I M A



Titolo: Il mio nome è Patty Boom Boom.
Autrice: Silvia Mango.
Genere: rosa contemporaneo.
Editore: Rizzoli, Collana YouFeel (15 gennaio 2015).
Prezzo: euro 2,49 (e-book).
La mia valutazione: quattro
stelline.
Quando un’auto in
corsa si porta via la carriera e tutti i suoi sogni,
Patricia Clinton, étoile del prestigioso corpo di ballo del New York
City Ballet, si alza in piedi e ricomincia a danzare sul palcoscenico della
vita, perché è questo che insegnano fin da piccola alle ballerine. Rialzarsi
subito.
Patty è forte,
reagisce a ogni caduta, anche quando si ritrova in un mare di guai e con una
condanna ai lavori sociali. Ad affiancarla nel suo percorso ci saranno il
fratello e avvocato Bill, la giovane e ribelle Gia, che come tutte le adolescenti
impara a crescere in un turbinio di emozioni contrastanti, ma soprattutto Andre
Miller, il tutor che le viene affidato. Anche con lui il destino non è stato
benevolo. Insieme affronteranno il domani mostrando le loro ferite. Perché le
ferite non vanno nascoste, ma valorizzate; testimoniano il passato, fanno parte
del cammino di ognuno. Proprio come quei vasi orientali che una volta rotti
acquistano forza e bellezza se impreziositi dall’oro con cui vengono
ricomposti.
Un romanzo corale che vi emozionerà. Una storia d’amore che si
intreccia al destino di altre vite in una prova da applauso.
 

1 ottobre 2014, Los Angeles
Police Department, Hollywood Division, L. A.
Com’era la storia dei due
poliziotti? C’erano il poliziotto buono e il poliziotto cattivo. Un connubio di
malvagità. Fatto che il poliziotto buono, che poi è sempre più cattivo del
cattivo, con le sue mani bianche da damerino era quasi sul punto di sollevarla
di peso dalla brandina, e nel contempo le stringeva i polsi così forte da farle
rimpiangere le manette.
“Come cavolo sono potuta finire
in una situazione tanto assurda?” si domandò esasperata Patty.
Già, che ci fa Patty, la sorellina di Bill Clinton (ve lo
ricordate? No, sbagliato, NON quello del sigaro, l’altro, l’avvocato), in
galera? E come ne uscirà?
Da queste due domande scaturisce una storia emozionante che ci
obbliga a seguire il percorso riabilitativo della nostra eroina. D’accordo,
Patty Boom Boom –cosa pretendete? Che una che balla in un locale si faccia
chiamare Patricia Clinton?- scampa alla galera. E ne siamo contenti, perché,
per una volta tanto, è innocente. Insomma, l’hanno incastrata. Però deve sorbirsi
il solito corso per imparare a dominare l’aggressività e qualche mese di lavori
socialmente utili. In soldoni, spazzare le strade.
E la storia d’amore? Calma, ci arriviamo. Chi è l’assistente
sociale-psicologo-bravo ragazzo-bello come il sole che viene incaricato di
sorvegliarla e guidarla nel percorso di redenzione? Ecco, avete indovinato.
Andre Miller. Si fronteggiano due persone, con il loro passato triste e tanta
voglia (e paura) di ricominciare.
Non crediate che il lieto fine arrivi alla svelta, eh no! Ci sono
incomprensioni, momenti tristi, emozioni represse, tutto un repertorio che ci
fa venire il cuore piccolo piccolo. Anche una storia parallela emozionante e
tenera fa capolino a un certo punto. Insomma, Silvia Mango ci cuoce a puntino
prima del liberatorio “fine”.

Scrittura veloce, senza orpelli, l’autrice vola verso il traguardo
con piglio sicuro. Il secondo romance non ha deluso, tutt’altro.
Post precedente

Il canto del deserto, di Adele Vieri Castellano

Post successivo

La meta del cuore, di Miriam Tocci

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

2 Commenti

  1. Anonimo
    13 gennaio 2015 at 15:21 — Rispondi

    Babette cara, grazie!!! Sono sincera e voglio dirti che sono giorni che aspettavo con trepidazione e (lo ammetto…) parecchia ansia la tua recensione! Come sai tengo tantissimo al tuo parere e faccio sempre tesoro dei tuoi preziosi consigli … Quindi davvero grazie di cuore per l'attenzione che hai dedicato al mio romanzo e per le belle parole. Sono commossa e tanto grata di averti conosciuto. Silvia Mango.
    ps: la gravidanza mi rende particolarmente sensibile! 🙂

  2. Babette Brown
    14 gennaio 2015 at 10:23 — Rispondi

    Bene, grazie a te!
    Dopo aver "scodellato" l'e-book, pensa al bambino.
    Se è una piccina, la chiamerai Patricia?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *