News

Il marchio AutoriIndie, una novità importante

Il marchio AutoriIndie nasce per iniziativa di un gruppo di Autrici e Autori che hanno scelto di pubblicare le loro opere alternativamente sia tramite le case editrici, sia tramite auto-pubblicazione (self-publishing), affermando così il carattere indipendente della Scrittura e la scelta di avvalersi in autonomia degli strumenti di comunicazione, promozione e divulgazione offerti dai social media.

La fruizione del marchio AutoriIndie per le opere d’ingegno (narrativa, saggistica, poesia, arti figurative etc.) è di libero utilizzo fatto salvo il rispetto della seguente norma: il marchio AutoriIndie NON è associabile a contenuti che inneggino o incitino a qualsiasi forma di razzismo, pedofilia, sessismo, omofobia, attività criminali e illegali in generale. Nell’eventualità che vengano diffusi libri e pubblicazioni riferiti ai concetti sopra elencati o ad essi similari recanti il marchio AutoriIndie, i corretti fruitori del marchio non sono responsabili e sono tenuti a contrastare in ogni modo l’uso illecito del marchio stesso.

Il marchio si potrà scaricare dalla pagina dedicata che al più presto verrà inserita su Wikipedia, oppure, nelle diverse versioni di colore, dai siti degli Autori che ne fanno uso e dai blog che accetteranno di diffonderlo e informare sulla sua esistenza.
Tutti gli Autori che utilizzano il marchio AutoriIndie dovrebbero facilitare la divulgazione del marchio stesso e l’idea basilare della sua creazione al fine di fortificare l’identità della categoria autoriale e il valore della Scrittura indipendente.

Post precedente

Laura Gay ci parla de "La Regina di Ghiaccio"

Post successivo

La stirpe delle tenebre (VIII), di Federica Soprani

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

4 Commenti

  1. Dario Stefano Villasanta
    22 gennaio 2016 at 12:46 — Rispondi

    E’ un piccolo grande passo verso il dovuto riconoscimento della scrittura indipendente. Non basterà un marchio a ‘sdoganarla’, né a fungere da filtro distintivo tra opere professionali e non. Per quello ci vuole ben altro, chissà quando (è solo una questione di tempo) si riuscirà a dare dignità al self fatto bene, unico strumento contro la massificazione delle scelte editoriali.

  2. Donatella
    22 gennaio 2016 at 13:03 — Rispondi

    Questa mi sembra un’iniziativa fantastica. Un modo nuovo per donare nuova dignità alla scrittura indipendente.

    • Babette Brown
      22 gennaio 2016 at 14:31 — Rispondi

      Dobbiamo ringraziare gli autori e le autrici che hanno lavorato per questo marchio.

  3. f. M.
    24 gennaio 2016 at 17:08 — Rispondi

    Questa cosa del marchio mi piace tantissimo. devo assolutamente infrmarmi meglio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *