Recensioni

Il legame del drago, di Thea Harrison

EDITORE: Fanucci (Collana Tif
extra – 17 ottobre 2013).
PAGINE: 395.
PREZZO: euro 9,00 (sconto 25%
su IBS); euro 4,99 (ebook).
Mezza umana e mezza Wyr, l’antica e potentissima razza
dei draghi, Pia ha sempre cercato di tenersi fuori dai conflitti tra i due
popoli, nascondendo a tutti le sue origini. Ma dopo essere stata ricattata e
costretta a rubare una moneta dai tesori di un drago, Pia scatena l’ira dei
Wyr. Dragos Cuelebre è il più temuto e rispettato di loro: nato insieme al
sistema solare, predatore tra i predatori, non può credere che qualcuno abbia
osato rubargli qualcosa. Ma quando riuscirà a catturare Pia, scoprirà segreti
ed emozioni che lo uniranno a lei irreparabilmente, come una forza ancestrale.
Insieme affronteranno la minaccia dei fae oscuri e le difficoltà della
trasformazione che sta avvenendo in Pia, che ora è pronta ad accettare la sua
natura wyr.

Premio RITA Award 2012
(miglior romanzo Categoria Paranormal Romance).

Non fatevi ingannare dalla
trama che può non entusiasmare. E cominciate a leggere. Io l’ho fatto perché ho
un “frisson” per i draghi. E qui c’è un Drago con l’iniziale maiuscola, nato
assieme al sistema solare: bellissimo, crudele, dominatore. Vive a New York in
un grattacielo-torre, attorniato da sette fedeli guardie del corpo (se vi
ricorda Raphael, l’arcangelo di Nalini Singh, io non ho colpa alcuna!).

La “lei” di turno ha un nome
italianissimo, è una mezza wir e ha rubato un penny del 1962 da una delle
caverne-forziere del drago. Fino a quel momento inviolate.
Immaginate quanti tesori può
avere accumulato il Drago nei millenni: raccolti e custoditi gelosamente,
invisibili a chiunque. Eppure, grazie ad un talismano, Pia è riuscita
nell’impresa. A questo punto, dobbiamo chiederci: chi vuol danneggiare il
Drago? Chi si è servito di Pia? Non certo quel balbettante bamboccione babbuino
del suo ex, che l’ha costretta ad agire ricattandola! Pia ha commesso l’errore
di rivelare qualcosa della propria natura e lui, oberato dai debiti di gioco,
l’ha venduta ai misteriosi nemici del Drago.
Pia fugge, ma non riesce a
tenere lontano il Drago, che ha buon gioco nel rintracciarla. La punisce? La fa
in mille pezzi? No, perché, dopo secoli, la vita non gli sembra più noiosa,
eternamente uguale, senza stimoli. Pia lo ha riportato in vita e, da subito,
rappresenta per lui quel soffio d’aria salvifica che gli mancava da troppo
tempo.
Va da sé che la nostra eroina
non è immune al fascino del Drago, anzi, si butta con tutte le soprascarpe in
quelle pozze dorate che sono gli occhi ammaliatori della Grande Bestia che,
come Drago è un gran bel vedere (se vi piacciono i draghi), ma quando assume le
sembianze di un uomo è da leccarsi i baffi. Come resistergli? Pia non ci prova
nemmeno.
Nella ricerca del nemico, il
Drago e Pia si imbattono negli Elfi (bellissimi), nei Goblin (puzzolenti) e in
altri esseri che popolano la Terra e gli spazi interdimensionali.
Lieto fine? Ci potete
scommettere lo stipendio. E anche la tredicesima.
Thea Harrison ci cucina un
piatto sopraffino. Il romanzo è ricco di avventura, passione; soddisfa ogni
esigenza del lettore, dall’aspetto romantico a quello passionale (ehm… ehm…),
senza tralasciare duelli e battaglie. Il linguaggio è fluido, la
caratterizzazione dei personaggi e dei luoghi accurata.
Siamo alla prima puntata di
una serie che promette di essere molto interessante per tutti gli amanti
dell’Urban Fantasy e del Paranormal Romance. La serie si intitola “Elder Race –
Razze Antiche” e speriamo che la Casa Editrice si ricordi che noi aspettiamo
con ansia e trepidazione il secondo libro!

Quattro stelline.
Thea Harrison è lo pseudonimo
di Teddy Harrison. Ha viaggiato molto, avendo vissuto in Inghilterra ed
esplorato l’Europa per diversi anni. Ora risiede in Colorado.
Ha scritto il suo primo
romanzo, una storia d’amore, a diciannove anni. Al suo attivo, ha anche sedici
romanzi scritti con il nome di Amanda Carpenter.
Due lauree ed un figlio da
crescere hanno costretto l’autrice a prendersi una lunga pausa, durante la
quale ha lavorato come attivista di un’organizzazione per i diritti dei
consumatori; oltre a svolgere duemila altre attività che siamo abituati a
riconoscere normali per molti americani (cameriera, receptionist, eccetera).
La serie paranormale “Elder
Race – Razze Antiche” ha preso vita nel 2011. Dice Thea:  La serie
Races Elder si trova in un universo alternativo in cui vivono apertamente al
fianco dell’umanità creature magiche e mitologiche. Le storie sono piene di
disinvolti eroi alfa sexy e di eroine forti mentalmente che li addomesticano.
Adora gli animali e
attualmente vive con due bestiole dalla grande personalità.
Thea Harrison ha un sito
molto interessante. Guardate qui:
Post precedente

Un diavolo per capello, di Angela Cutrera

Post successivo

Quattro chiacchiere con Giulia Beyman

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *