Eventi

Giveaway: Mariani e le porte chiuse

Parola magica?
Giveaway!

Di chi?
Maria Masella!

E CHI ci regala?
Antonio Mariani!

Ebbene sì, sono riuscita a convincere la “mamma” di Antonio Mariani (oh, commissario, mio commissario…!) a mettere in palio due copie cartacee dell’ultimo romanzo della serie: Mariani e le porte chiuse.

Come si partecipa? Niente di più semplice.
Prima copia: estratta fra tutti coloro che avranno commentato nel blog (o, se impossibilitati a farlo, nel Gruppo Babette Brown legge per voi, sotto ad un post apposito).
Seconda copia: assegnata all’autore/autrice del commento più divertente, più drammatico, più spiritoso, più tragico, più…più…, a insindacabile giudizio della giuria, composta da Annamaria Lucchese, Maria Masella e -se saremo riuscite a convincerla- Monica Lombardi.

Siete pronti?
Bene. Intanto, godetevi la presentazione che Maria Masella ha scritto per questa Serie tanto amata. Poi, sotto con i commenti.

Quando nel 2000 ho scritto Morte a domicilio, un noir ambientato a Genova il cui protagonista era Antonio Mariani, un commissario con una problematica vita famigliare, non prevedevo di scriverne altri quattordici!
Ho continuato per due motivi: la buona accoglienza dei lettori e la difficoltà a staccarmi da un personaggio di cui mi ero innamorata. Ho quindi scritto altri sei romanzi (Il dubbio, La segreta causa, Il cartomante di via Venti, Giorni contati, Il caso cuorenero, Io so) continuando la sua storia personale e famigliare, anche se ogni romanzo dal punto di vista delle indagini poliziesche era autoconclusivo. Nel 2008 ormai molti lettori e soprattutto lettrici volevano sapere qualcosa di più su di lui, su come aveva cominciato, su come aveva conosciuto Francesca, vera coprotagonista della serie: ho scritto Primo, il prequel.
Con Ultima chiamata per Mariani ho ripreso la storia dove si era interrotta con Io so e ho continuato con ritmo annuale, pubblicando Mariani e il caso irrisolto, Recita per Mariani, Celtique, Mariani allo specchio, Mariani e le mezze verità.
La novità di quest’anno è Mariani e le porte chiuse. Salta all’occhio che negli ultimi titoli il nome del protagonista compare ogni volta! Perché, secondo l’editore, in libreria non chiedono l’ultimo noir di Masella ma l’ultimo Mariani.
Cosa dire sull’ultimo? La sinossi è sugli store…
Una lettrice molto attenta e partecipe ha notato che il romanzo ha analogie con Mariani e il caso irrisolto: verissimo! Il commissario è impossibilitato a indagare di persona, è sofferente. E soprattutto è importante il suo rapporto con l’ispettore Lorenza Petri, che in tutte le storie scritte dopo Primo è il suo collaboratore più affidabile, ma in questo la sua affidabilità viene messa in discussione. Tutto il primo ciclo, da Morte a domicilio a Io so, è sotto il segno di Iachino, mentre il secondo lo è della Petri.
Perché qualcosa accadrà.

OoO

Maria Masella è nata a Genova. Ha partecipato varie volte al Mystfest di Cattolica ed è stata premiata in due edizioni (1987 e 1988). Ha pubblicato una raccolta di racconti – Non son chi fui – con Solfanelli e un’altra – Trappole – con la Clessidra. Sempre con la Clessidra è uscito nel 1999 il romanzo poliziesco Per sapere la verità. La Giuria del XXVIII Premio “Gran Giallo Città di Cattolica” (edizione 2001) ha segnalato un suo racconto La parabola dei ciechi, inserito successivamente nell’antologia Liguria in giallo e nero (Fratelli Frilli Editori, 2006). Ha scritto articoli e racconti sulla rivista “Marea”. Per Fratelli Frilli Editori ha pubblicato Morte a domicilio (2002), Il dubbio (2004), La segreta causa (2005), Il cartomante di via Venti (2005), Giorni contati (2006), Mariani. Il caso cuorenero (2006), Io so. L’enigma di Mariani (2007), Primo (2008), Ultima chiamata per Mariani (2009), Mariani e il caso irrisolto (2010), Recita per Mariani (2011), Per sapere la verità (2012), Celtique (2012, terzo classificato al Premio Azzeccagarbugli 2013), Mariani allo specchio (2013), Mariani e le mezze verità (2014), Mariani e le porte chiuse (2015). Per Corbaccio ha pubblicato Belle sceme! (2009). Per Rizzoli, nella collana youfeel, è uscito Il cliente (2014) e La preda (2014). Morte a domicilio e Il dubbio sono stati pubblicati in Germania dalla Goldmann.

http://www.mariamasella.it
https://www.facebook.com/masella.maria

Post precedente

E se... ovvero, giochiamo con la sinossi! Prima puntata

Post successivo

La premiata Ditta Flumeri & Giacometti

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

28 Commenti

  1. Dario Villasanta
    8 novembre 2015 at 10:02 — Rispondi

    Capperi! Reduce da due anni in Liguria, mi dico che una genovese che regala qualcosa è un evento da raccontare ai nipoti: lo vincessi, lo terrei come una reliquia! (Sorriso…)

    • Babette Brown
      9 novembre 2015 at 9:14 — Rispondi

      Tienti forte, Dario, perché Maria Masella regala DUE COPIE del romanzo, mica una sola. Una genovese degenere.

    • 9 novembre 2015 at 14:08 — Rispondi

      ciao fuggitivo dalla Liguria!
      Ma che genovesi hai incontrato?
      non un abbraccio ma due

  2. giulianna d'annunzio
    8 novembre 2015 at 12:51 — Rispondi

    Eccomi! Non sono mai stata estratta in vita mia, ma non si sa mai! E poi un bel giallo…perché non tentare? 🙂 🙂 🙂

  3. Fernanda Romani
    8 novembre 2015 at 15:14 — Rispondi

    Io ho letto da poco “Mariani e le mezze verità” e, a dire il vero, l’ho comprato per sbaglio. Ero convinta fosse il primo della serie, invece era l’ultimo. Vabbè, ho cominciato dalla fine. Pazienza. 🙂

    • Babette Brown
      9 novembre 2015 at 9:20 — Rispondi

      È il bello del romanzo autoconclusivo, Fernanda.

    • 9 novembre 2015 at 14:10 — Rispondi

      Ciao Fernanda, non preoccuparti,
      la maggior parte dei mariani-dipendenti ha cominciato per caso e non dal primo e neppure da Primo!

  4. 8 novembre 2015 at 17:25 — Rispondi

    Solo perché Marri Masella Maria è un’amica e collega che stimo, il commento è doveroso. Marri, spero ti sia passata l’insana idea di… mi taccio evitando di aggiungere altro.

    • Babette Brown
      9 novembre 2015 at 9:18 — Rispondi

      Mary, sai qualcosa che noi ignoriamo? Qualche losco proposito di Maria Masella?

    • 9 novembre 2015 at 14:11 — Rispondi

      minacce ricevetti
      anche piuttosto esplicite!

  5. Macrina
    8 novembre 2015 at 17:49 — Rispondi

    E’ il mio secondo tentativo. Se va bene, meriterei di vincere solo per questo (scherzo!). Ho temuto molto per mariani, ultimamente. da alcuni post di maria temevo lo avesse destinato a morte certa. leggendo la presentazione, suppongo non sia così. Almeno spero.
    provo a inviare.

    • Babette Brown
      9 novembre 2015 at 9:17 — Rispondi

      È andata, Macrina! Il commento è apparso.

    • 9 novembre 2015 at 14:13 — Rispondi

      morirà quando dovrà morire
      ma qualcuno morirà
      leggere “all’amico che dorme” di Pavese

  6. Emanuela Locori
    8 novembre 2015 at 18:20 — Rispondi

    Eh no, su Mariani non si può! Davvero non si scherza su una copia cartacea del nostro amatissimo commissario in regalo, e magari con aggiunta di graditissimo autografo dell’altrettanto amata Maria Masella. Io ci provo!

    • Babette Brown
      9 novembre 2015 at 9:17 — Rispondi

      DUE COPIE, Emanuela! Doppie probabilità di vincita.

  7. melissa
    8 novembre 2015 at 20:18 — Rispondi

    Sono un’appassionata di libri gialli e polizieschi ma non ho ancora avuto modo di leggere questa autrice, mi ha davvero incuriosito questa presentazione e sono sicura che acquisterò un romanzo a breve, grazie di avermi fatto scoprire questa autrice e incrocio le dita per provare a vincere questo libro.

    • Babette Brown
      9 novembre 2015 at 9:16 — Rispondi

      Il volume che apre la serie è “Primo”, Melissa, anche se Maria Masella l’ha scritto in un secondo tempo. A grande richiesta dei lettori, ha raccontato l’inizio della storia d’amore fra Antonio Mariani e Francesca, un legame che permea di sé tutte le storie del commissario.

      • melissa
        10 novembre 2015 at 16:13 — Rispondi

        Grazie, lo acquisterò sicuramente

  8. Cristina Calligalli
    10 novembre 2015 at 21:46 — Rispondi

    Adoro i gialli, da quando ho 8 anni li divoro e adoro l’idea di avere un libro direttamente dall’autrice, magari con dedica 😀

  9. Luana
    11 novembre 2015 at 19:08 — Rispondi

    “Antonio Mariani lasciati guidare dalla forza…..”

  10. Sarah
    11 novembre 2015 at 20:55 — Rispondi

    Intanto spero di riuscire a inviare il commento. In secondo luogo, finora ho letto due romance storici di Maria Mascella, e li ho trovati stupendi. Ora è il momento di cominciare con i gialli.

    • Babette Brown
      12 novembre 2015 at 6:57 — Rispondi

      Se ti piacciono i gialli, il commissario Mariani ti affascinerà.

  11. Libera
    11 novembre 2015 at 21:02 — Rispondi

    Io ho cominciato da Primo, ma senza poi seguire alcun ordine, ho leggiucchiato un po’ qui e là. È indubbiamente un uomo affascinante, ma io tifo sempre per Francesca!

    • Babette Brown
      12 novembre 2015 at 6:58 — Rispondi

      Francesca è il mio idolo: tostissima, intelligente, bella! Mi piace che dia del filo da torcere al commissario.

  12. ROSARIA GHILARDI
    12 novembre 2015 at 18:01 — Rispondi

    Grazie per avermi così gentilmente regalato il libro. 😛 hahahhahahah scherzo ovviamente, però mi intriga un sacco.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *