Eventi

Giveaway! Emily Pigozzi e “Il posto del mio cuore”

Cari amici, buongiorno! Come ormai sapete, partecipare ai giveaway del nostro Blog è molto semplice: basta commentare questo articolo. Se non ci riuscite, andate nel gruppo Facebook e commentate sotto al post relativo.

Vogliamo che non abbiate troppi pensieri. Niente: iscriviti al blog, lascia la mail per la newsletter, condividi nel tuo profilo, commenta alle ore 23.45 del 29 febbraio 2016 con settordici parole…

Che cosa si vince? Una copia del romance storico “Il posto del mio cuore”, di Emily Pigozzi. Il vincitore / la vincitrice potrà scegliere: ebook, o cartaceo!

Intanto, lasciamo che sia proprio Emily a presentarvi il suo romanzo.

Vi parlo oggi del mio ultimo “nato”: “Il posto del mio cuore”.
È un romanzo storico, anche se parla di storia recente. Un romanzo d’amore, ma non solo. Una storia di vita e d’anima.

La protagonista, Alma Libera, è una ragazza nata durante la seconda guerra mondiale, in un paesino della pianura emiliana. Per lei la vita sembra già scritta: la fabbrica, la campagna, la bocca chiusa, i tortellini la domenica. Ma Alma inizierà presto a farsi delle domande: chi sono io? Cosa desidero? Questo la porterà lontano, alla ricerca di se stessa, tra amori sbagliati, voglia di riscatto, passioni e avventure… per capire, forse, che la salvezza del suo cuore è nel luogo da cui è partita, dove c’è qualcuno che non ha mai smesso di amarla e di aspettarla.

Tante sono le figure da conoscere, e che si muovono attorno alla protagonista segnando la sua strada: dalle amiche omosessuali Amabile e Marcella, all’enigmatico Adriano, al tormentato Claudio. Su tutte, regna il cuore appassionato di Alma Libera.

OoO

Vi abbiamo incuriosito? Certo che sì.

Il posto del mio cuoreBassa emiliana, anni ’50. Alma Libera Tondelli è una ragazza di paese. Sognatrice e inquieta, Alma sembra avere un destino già scritto: la vita di campagna, il lavoro in fabbrica, la messa della domenica. Fulvio, limpido e sincero, la ama da sempre, ma arrendersi al suo amore significherebbe rinunciare ai sogni di libertà che da sempre tormentano il suo spirito. Dalle campagne emiliane del dopoguerra alla Bologna del sessantotto, passando per la Roma del cinema e della Dolce vita, pur plasmata dagli uomini della sua vita Alma cercherà se stessa e la sua vera strada, mentre al paese qualcuno continuerà ad amarla in silenzio… Perché, come le predisse la Delfina, l’indovina che ha popolato le sue fantasie di adolescente, in lei “ci sono le luci e le ombre, e la salvezza del cuore, spesso, è nel luogo in cui si parte”.

OoO

Abbiamo già avuto ospite Emily qualche tempo fa nel nostro blog, però siamo sempre curiose e… diciamola tutta: amiamo farci i fatti degli autori che seguiamo.

INTERVISTA SEMISERIA:

Colore preferito. Tutti! Amo i colori vivaci, ma anche quelli più neutri. Non saprei decidere.

Cibo preferito. Pizza, lasagne, gelato, cioccolato…tutto quello che fa ingrassare!

In cucina, come te la cavi? Non amo cucinare: faccio l’indispensabile e non ho mai ucciso nessuno con le mie pietanze, diciamolo. Però preferisco mangiare…

Status sentimentale. Sposatissima! Mi sono fidanzata giovane, e sposata a soli 18 anni.

Attrici preferite. Monica Vitti, Anna Magnani, Diane Keaton, Natalie Portman.

Attori preferiti. Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi, Robin Williams.

L’uomo che vorresti essere. Non ci ho mai pensato. Mi viene in mente il grande Sandro Pertini.

Tornassi a nascere, uomo o donna, e perché. Assolutamente donna! Siamo un guazzabuglio complicato, ma vuoi mettere come percepiamo la vita?

Serie Tv preferita. Queer as folk, un vero culto per me, e tra quelle attualmente in onda sono una affezionata di Grey’s Anatomy.

Genere di lettura preferito. Narrativa non di genere, Rosa, storico.

Scrittore preferito. Tanti! Cito Haruki Murakami, Dacia Maraini, Irene Nemirovsky.

Musa ispiratrice. La vita.

Genere musicale preferito. Anche qui, parecchi: rock, cantautori italiani della vecchia scuola, melodramma, operetta, pop anni ottanta.

Cantante preferito. L’inarrivabile Freddie Mercury.

Band musicale preferita. Ovviamente i Queen!

Social network: sì o no? Sì, con qualche piccola riserva.

Ok, ci siamo scaldati. Passiamo alle cose serie!

INTERVISTA SERIA:

Perché scrivere? Come è nata questa “necessità” e quando? È nata quando ero bambina: mi piace pensare che sia nata con me, con il desiderio di leggere, conoscere, esprimermi. Ho iniziato con la poesia, da piccolissima, ma ho sempre desiderato scrivere narrativa.

Come scrivi? Carta e penna, moleskine sempre dietro e appunti al volo, oppure rigorosamente tutto a video, computer portatile, ipad, iphone? Tutto! Le stesure le faccio al pc: sono pigra, e ho tutto comodo, scrivo più velocemente, ho correttore, dizionario…ho però un quadernetto molto confuso dove appunto idee, abbozzi di capitoli e trame, e ovviamente non possono mancare gli appunti dell’iphone e fogli volanti ovunque!

C’è un momento particolare nella giornata in cui prediligi scrivere i tuoi romanzi? La notte: è sempre stata un momento speciale di creatività e raccoglimento per me.

Che cosa significa per te “scrivere”? Dare sfogo alla mia anima.

Ami quello che scrivi, sempre, dopo che l’hai scritto? Non sono ciecamente innamorata di ciò che faccio: i difetti li vedo! Però tendenzialmente voglio bene ai miei scritti, ecco.

Rileggi mai i tuoi libri, dopo averli pubblicati? A fatica: vedo sempre mille difetti (quelli che magari non ho visto prima) e ho una sorta di pudore nel rileggermi dopo la pubblicazione. Però mi obbligo a farlo, almeno una volta.

Quanto c’è di autobiografico nei tuoi libri? Le emozioni, e i flussi di coscienza.

Quando scrivi, ti diverti, oppure soffri? Quando la trama fluisce e non sono troppo stanca, mi diverto. Altrimenti soffro un po’, ma fa parte del gioco.

Trovi che nel corso degli anni la tua scrittura sia cambiata? E se sì, in che modo? Spero si stia evolvendo in meglio, ma credo di avere ancora molta strada da fare.

Come riesci a conciliare vita privata e vita creativa? Faccio molta fatica: sfrutto i momenti liberi, e dormo un po’ meno di quanto vorrei…

La scrittura ti crea mai problemi nella vita quotidiana? Non è facile far arrivare agli altri la nostra passione, far capire veramente cosa facciamo e perché: a volte mi sembra quasi di dovermi giustificare, e non è piacevole! Per il resto, naturalmente, il problema è il tempo per riuscire a conciliare il tutto.

Gli amici/i parenti ti sostengono, oppure ti guardano come se fossi un alieno? Decisamente alieno: è un terreno sul quale purtroppo ci incontriamo di rado. Pazienza: qualcuno coi pieni per terra ci vuole!

Nello scrivere un romanzo, navighi a vista come insegna Cotroneo, oppure usi la scrittura architettonica, metodica consigliata invece da Bregola? Navigo a vista… anche se Davide Bregola è un amico, spero che non me ne vorrà. Io però vado a istinto, sempre, in tutte le cose: non saprei fare altro.

Quando scrivi, lo fai con costanza, come faceva Trollope, oppure ti lasci trascinare dall’incostanza dell’ispirazione? Con costanza. Sono molto pigra, e per  non perdermi mi impongo dei ritmi precisi, specie durante la prima stesura.

Tutti dicono che per scrivere bisogna prima leggere. Sei un lettore assiduo? Leggi tanto? Quanti libri all’anno? Leggo moltissimo: leggere è sempre stato un piacere animale per me, un vero istinto. Prima di diventare mamma leggevo un libro alla settimana, più vari copioni teatrali. Ora un pochino meno…

Qual è il genere letterario che prediligi? È lo stesso genere che scrivi, o è differente? E se sì, perché? Sì, è lo stesso. È quello che amo da lettrice, nel quale mi sento a mio agio: la letteratura femminile, dal rosa alla narrativa non di genere.

Autori e autrici che ti rappresentano, o che ami particolarmente. Citane due italiani e due stranieri. Posso pensare a Banana Yoshimoto, Anne Tyler, Alda Merini, Elsa Morante.

Di gran voga alla fine degli Anni Novanta, più recentemente messi al bando da molte polemiche in rete e non solo: cosa puoi dire dei corsi di scrittura creativa che proliferano un po’ ovunque? Sei favorevole, o contraria? Favorevole, tutto sommato: diciamo che confrontarsi su qualcosa che si vuole fare, cercare metodi e magari poi decidere se applicarli o meno, non fa mai male. Il talento non si insegna, ma si può affinare.

Dei tuoi romanzi precedenti, ce n’è uno che prediligi e senti più tuo? Se sì, qual è? Vuoi descrivercelo e parlarci delle emozioni che ti ha suscitato scriverlo? Prediligere forse no: per me sono tutti speciali, portano dentro una parte importante del mio cuore. Però è innegabile che in “Un qualunque respiro”, il mio primo romanzo, ci sia tantissimo di me: una sorta di passaggio obbligato per un autore, forse. Ma scriverlo è stato incredibilmente terapeutico: un’esperienza molto forte.

Hai partecipato a concorsi letterari? Li trovi utili a chi vuole emergere e farsi valere? Non ho mai partecipato a concorsi, perché spesso li ritengo impegnativi dal punto di vista economico, e non so mai se il gioco vale la candela. Non ne ho un’opinione negativa, comunque: possono essere un bel banco di prova.

A cosa stai lavorando, ultimamente, e quando uscirà il tuo nuovo romanzo? Vuoi parlarcene? Sto lavorando a un paio di romance contemporanei: sono già terminati, e li sto limando e sistemando. Spero di pubblicarli a breve! Il mio ultimo progetto però è un romanzo storico, anzi, due, e nel cassetto ci sono molte idee.

OoO

Emily Pigozzi su Amazon: http://www.amazon.it/s/ref=nb_sb_noss_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&url=search-alias%3Daps&field-keywords=emily+pigozzi

Emily Pigozzi nel nostro blog: http://babettebrown.it/?s=Emily+Pigozzi

Post precedente

Laura Costantini & Loredana Falcone: intervista a due voci

Post successivo

L1L0, di Pippo Abrami: il parere di Vittoria Corella

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

33 Commenti

  1. Marco Canella
    8 febbraio 2016 at 6:29 — Rispondi

    Partecipo al Giveaway… Grazie mille! 🙂
    Complimenti per l’intervista, davvero interessante. E un grande in bocca al lupo a Emily, per tutti i suoi progetti.
    Ciao e buona giornata 🙂

  2. 8 febbraio 2016 at 7:17 — Rispondi

    Partecipo anche io! Emily è fantastica!

  3. Daniela
    8 febbraio 2016 at 7:34 — Rispondi

    Partecipo molto volentieri. Faccio i miei complimenti e auguri a Emily, per questa nuova avventura.

  4. Michela Piazza
    8 febbraio 2016 at 8:16 — Rispondi

    Partecipo anche io, perché è un romanzo che mi incuriosisce molto

  5. Rosy Palazzo
    8 febbraio 2016 at 8:45 — Rispondi

    Partecipo e tento la fortuna 😉
    Grazie per l’opportunità!

  6. Emily
    8 febbraio 2016 at 11:00 — Rispondi

    Grazie mille! Vi aspetto…vediamo chi vince!

  7. Sarah Bernardinello
    8 febbraio 2016 at 11:28 — Rispondi

    La trama mi intriga. Il ruolo obbligato della donna, i cambiamenti dopo il conflitto… Mi piace. Partecipo volentieri. Grazie Emily e grazie Babette 🙂

  8. Lidia Calvano
    8 febbraio 2016 at 11:35 — Rispondi

    Buon lunedì e grazie per l’invito al giveaway, partecipo volentieri! Un caro saluto e buon inizio settimana! Lidia Calvano

  9. Rita Giorgio
    8 febbraio 2016 at 11:36 — Rispondi

    Partecipo! Bellissima intervista!

  10. Valentina
    8 febbraio 2016 at 11:37 — Rispondi

    Partecipo senz’altro! Emily è una delle mie autrici preferite e le auguro il meglio! Grazie per questa opportunità

  11. Mari Thorn
    8 febbraio 2016 at 11:39 — Rispondi

    eccomi! partecipo anche io.
    Grazie Babette e grazie Emily 🙂

  12. Franca Poli
    8 febbraio 2016 at 11:42 — Rispondi

    Partecipo. La trama mi intriga molto.
    Grazie Emily e Babette.

  13. Rosamaria
    8 febbraio 2016 at 11:46 — Rispondi

    Amo i romanzi sono il mio pane quotidiano e devo dire che questo m’intriga. Incrocio le dita e grazie per la magnifica opportunità 😀

  14. Sophia
    8 febbraio 2016 at 11:48 — Rispondi

    Intervista davvero interessante, complimenti e in bocca al lupo ad Emily ^_^

  15. 8 febbraio 2016 at 12:05 — Rispondi

    Partecipo volentieri!!! Mi incuriosisce molto

  16. Giulia
    8 febbraio 2016 at 12:08 — Rispondi

    Eccomi, partecipo volentieri!

  17. 8 febbraio 2016 at 12:19 — Rispondi

    La trama è davvero interessante! Partecipo volentieri!!!

  18. Silvia
    8 febbraio 2016 at 12:49 — Rispondi

    Mi incuriosisce tutto di questo libro, a cominciare dalla trama. Inoltre trovo molto accattivante sia la copertina, sia il titolo. Lo leggerò volentieri.

  19. Simona
    8 febbraio 2016 at 13:21 — Rispondi

    Grazie per l’invito! È un piacere partecipare al giveaway di Emily 🙂

  20. Alexandra Maio
    8 febbraio 2016 at 14:05 — Rispondi

    Mi piacciono cover e trama! Pattecipo. E complimenti per l’intervista. 🙂

  21. Elena
    8 febbraio 2016 at 14:31 — Rispondi

    Io ci sono!! È un libro che mi piacerebbe davvero leggere!

  22. Silvia Cossio
    8 febbraio 2016 at 15:38 — Rispondi

    Partecipo MOLTO volentieri!
    Non mi dispiacerebbe vincere una copia autografata 😉

  23. sabina
    8 febbraio 2016 at 15:45 — Rispondi

    Ti ho conosciuta x caso con “Un qualunque respiro”….ti trovo fantastica e ti ringrazio di vero per l’ invito,partecipo molto volentieri.
    In bocca al lupo x tutto Emily

  24. 8 febbraio 2016 at 15:56 — Rispondi

    partecipo volentieri! la lettura mi piace e scoprire nuovi scrittori o scrittrici mi incuriosisce molto

  25. Ornella Nalon
    8 febbraio 2016 at 16:06 — Rispondi

    Complimenti per l’intervista e per il Giveaway che non mi dispiacerebbe vincere 😉

  26. Isabella Gravina
    8 febbraio 2016 at 17:32 — Rispondi

    Partecipo volentieri. Adorabile sia la cover che la trama 🙂 complimenti

  27. VeloNero
    8 febbraio 2016 at 22:15 — Rispondi

    EMILY!! Dai che stavolta vinco e voglio pure un bel dedicozzo!

  28. silvana sanna
    9 febbraio 2016 at 9:57 — Rispondi

    Ho già letto il romanzo in ebook (stupendo!), ma partecipo ugualmente. E se vinco voglio una bella dedica!

  29. 9 febbraio 2016 at 13:59 — Rispondi

    sei fantastica Emily! e per tutti i lettori sei il top!

  30. Irene
    10 febbraio 2016 at 0:36 — Rispondi

    Partecipo! Storia e cover mi ispirano molto!!!

  31. Donatella
    10 febbraio 2016 at 14:38 — Rispondi

    Partecipo e dirò di più, spero anche di vincere!

  32. MARIA
    11 febbraio 2016 at 8:46 — Rispondi

    Bello!!! E grazie per questa opportunità…:)

    • Babette Brown
      11 febbraio 2016 at 9:55 — Rispondi

      E siamo a trenta partecipanti! Forza, c’è tempo fino a domenica…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *