Così è se mi pareRubriche

Fumetti: La Strega Vampiro

La strega Vampiro.
Soggetto e sceneggiatura: Federica D’Ascani.
Disegni: Vincenzo Arces.
Skorpio n° 2041 del 14 aprile 2016.

Diapositiva1Siamo nel 1631, nella foresta nera, a Gengenbach, e una ragazza si sta inoltrando nella fitta vegetazione, seguita da spiriti magici, donne volanti, che con le loro luci le indicano la strada. Isolde, questo il nome della bella fanciulla, giunge al centro di quello che ha tutta l’aria di essere un convivio pagano e beve da una coppa appena offerta da un uomo celato da un cappuccio. Ma d’un tratto il cielo si oscura e un fulmine la colpisce in pieno petto, facendola cadere a terra, svenuta. Quando si risveglia, qualcosa è cambiato e uno strano morbo sembra divorarla, debilitandola fino a condurla alla morte. Come lei, tante altre ragazze hanno subito la stessa sorte e gli uomini dell’inquisizione, giunti in città, vogliono vederci chiaro…
La strega vampiro è il primo episodio di una serie che vedrà protagonisti Gregor, il giustiziere, e il Vampiro, essere immondo sempre un passo avanti a lui.

OoO

I fumetti di Skorpio (da Wikipedia).

Skorpio è una rivista settimanale italiana di fumetti, pubblicata dal 1977 dalla casa editrice romana Eura Editoriale e dal 2010 daEditoriale Aurea.

È la “gemella” di Lanciostory, rivista analoga per contenuti e impostazione editoriale pubblicata dalla medesima casa editrice. La rivista italiana riprende il nome di quella originariamente pubblicata in Argentina dal 1974 al 1996 (sottotitolata El mundo de la gran historieta) dalla Ediciones Record.

Con la scomparsa delle “riviste contenitore”, cioè quelle riviste a fumetti che non presentavano personaggi fissi ma antologie di fumetti di scuole anche molto diverse tra loro (esempi ne sono L’Eternauta, Comic Art, Orient Express) resta, con la sua “gemella”, l’unico esempio italiano di periodico antologico di fumetti.

Inizialmente venivano presentate esclusivamente opere di autori latino-americani e pochi italiani, successivamente c’è stata un’apertura anche al mercato franco-belga.

Al suo interno trovano spazio serializzazioni, a partire dal numero 36 del 2004 modificate in una forma diversa (episodi di 20-25 pagine, che consentono una fruizione più rapida delle storie), di storie a fumetti di autori come Robin Wood, Carlos Trillo, Jean van Hamme, Hermann, Domingo Mandrafina, Josè Luis Ortiz, Antonio Segura, Ernesto Garcia Seijas e molti altri. Autori di estrazioni culturali molto differenti tra loro (latino-americana, belga, francese, italiana), che permettono di offrire un’ampia e variegata panoramica ai lettori.

Dal n. 1 dell’anno 2010 Skorpio viene pubblicato dalla casa editrice Editoriale Aurea srl, che ha preso in carico le testate Eura Editoriale alla fine del 2009, quando la proprietà dell’azienda è stata ceduta. Il nuovo team, composto dal direttore responsabile Enzo Marino e dal direttore editoriale Sergio Loss, esperti dirigenti provenienti dall’Eura, prosegue nell’offrire al pubblico italiano una selezione di fumetti che vengono creati e pubblicati in Italia e nel mondo, con particolare riguardo alla scena franco-belga e argentina

Post precedente

Recensione: "Inganno", di Sagara Lux

Post successivo

Patricia Logan, catene e frustini

Federica D'Ascani

Federica D'Ascani

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *