Interviste

Francy&Alex Translation: due chiacchiere con Alessandra Magagnato

Difficile. Complicato.
‘ste donne multitasking tocca arpionarle al volo.
E poi legarle a una sedia.

Alessandra Magagnato, benvenuta!
Grazie, scusa il ritardo.

Un mese… che sarà mai!
Uhm… già…

Allora: Francy&Alex Translation. Siamo al primo compleanno, mi sembra.
Sì, il Team compie ufficialmente un anno proprio a marzo. Anche se la collaborazione ha avuto inizio a gennaio 2015 con Le grida di Rebel, di Rain Carrington.

Raccontaci tutto.
Patricia Logan aveva affidato al Blog “Tre libri sopra il cielo” (https://trelibrisoprailcielo.com/) un racconto gratuito a puntate sulla storia di Vesper, la concierge del DomZ.com nella famosa serie Master’s Boys.

Un momento! Non ho visto in giro questo racconto.
Lo so, è stato interrotto per sopravvenuti impegni della scrittrice.

Peccato. Patricia Logan (http://babettebrown.it/?s=Patricia+Logan) la leggo sempre volentieri.
Un po’ per caso, un po’ per conoscenze comuni, io e Francesca abbiamo deciso di collaborare, all’inizio senza impegno esclusivo da parte di entrambe, stando a vedere come procedeva il lavoro. Tieni presente che non ci conoscevamo affatto, se non per via di Facebook, che però è molto limitante e riduttivo. Dopo l’interruzione di Vesper, Francesca mi ha proposto la Carrington, poiché nelle sue intenzioni c’era già il fatto di tradurre MM romance, e io ho accettato.

I casi della vita… Quindi avete dato il via a questo duo. Come vi dividete i compiti? Traducete entrambe? Chi si occupa della parte amministrativa e del marketing? E come contattate gli autori?
Francesca che ha dato inizio a tutto, contattando alcuni autori tra cui Hauser, Carrington appunto e Logan. Una volta cominciata la traduzione, abbiamo preso delle decisioni e da lì è nato il Team. Abbiamo entrambe due caratteri forti e volitivi perciò, ovviamente, abbiamo avuto bisogno di un periodo di rodaggio. L’aspetto che apprezziamo entrambe di questo sodalizio è che siamo entrambe capaci di fare un passo indietro e ragionare, quando una delle due propone qualcosa.

Come un matrimonio.
(ride) Come in un matrimonio, Il segreto sta nella divisione dei compiti. Ognuna ha il suo ruolo e lo rispetta, intervenendo se è il caso, ma senza prevaricare. Ci confrontiamo molto, le decisioni importanti si prendono assieme e si discutono senza timori. Non esiste che una delle due debba dire sì quando pensa no, verrebbe a mancare la fiducia e in quel caso sarebbe difficile continuare a collaborare.

In soldoni, CHI fa COSA?
I ruoli sono così suddivisi: Francesca traduce, tiene i contatti con gli autori, si occupa della parte amministrativa (per fortuna) e gestisce i Blog con le anteprime e le copie ARC su richiesta.
Io mi occupo della revisione del testo e dell’adattamento all’italiano, sono compiti miei anche il marketing e la promozione, l’organizzazione dei contest, la gestione dei social quali Facebook, Twitter e Tumblr, la calendarizzazione e le scadenze per ciò che riguarda le pubblicazioni. E infine le Beta Readers.

Avete le Beta? Interessante. In effetti, uno sguardo esterno è più che necessario per un testo senza pecche.
Attualmente ne abbiamo cinque: Anna Bertello, Federica Lemme, Franca Pilone, Sara Benatti e, new entry, Emily Hunter. Franca è anche la nostra grafica, sono suoi i teaser che compaiono in pagina: è una risorsa insostituibile, poiché normalmente sono io che le chiedo le immagini e dalle mie richieste a volte impossibili, lei tira fuori delle cose eccellenti. Sara Benatti, oltre che velocissima beta, è anche un’ottima traduttrice, infatti da questo mese entra ufficialmente a far parte del Team come traduttrice. A fine marzo uscirà il primo libro tradotto da lei di una serie paranormal e avrà il suo nome.

La famiglia si è allargata. Del resto, vista la mole di libri che trattate non era pensabile che il Team continuasse a essere composto solo da due persone. Novità in vista?
Svelo una cosa in esclusiva per te, Babette: abbiamo deciso di sondare il mercato francese e abbiamo trovato alcuni titoli interessanti. Uno è già in traduzione e uscirà a fine settembre. Mathias Sagan con L’Ironie d’un sort e il prossimo anno con il sequel L’ironie du destin. A tradurre direttamente dal francese sarà Cristina Fantini.

Bene, complimenti! Altre traduzioni previste?
Alcuni autori che usciranno quest’anno: Jay Northcote, AE Via, Shannon West, Sandy Lea Sullivan, K.A Merikan, River Mitchell, Brigham Vaughn, Teodora Kostova, Sloane Kennedy, Sandrine Gasq-Dion, Patricia Logan, Max Vos, Mathias P. Sagan, Rain Carrington, Lou Watton, Brad Tanner.

Un calendario da far rizzare i capelli! Come fate a tenere a bada gli autori? Immagino che scalpitino: il mercato italiano per gli M/M è promettente.
Come vedi, abbiamo moltissimi titoli in programma, a volte fatichiamo a inserirli visto che gli autori vorrebbero vedere il loro libro tradotto immediatamente. A volte, quando diciamo che abbiamo posto nel 2018, ci rimangono male, ma il Team ha un ottimo biglietto da visita e dei risultati eccellenti, perciò loro malgrado aspettano, o almeno i più lo fanno.

Del resto, se si vuole offrire un buon testo, si devono rispettare dei tempi precisi.
La volontà di portare a termine e di essere puntuali è uno dei motori che ci spinge a dare sempre il massimo, puntiamo molto sulla qualità del prodotto e sul marketing, che è un servizio che pochi traduttori self offrono. Il bacino d’utenza italiano è ben diverso da quello americano, che può contare, oltre che sull’America, anche sul resto del mondo. L’Italia conta solo sui lettori italiani e più se ne raggiungono, maggiori sono le possibilità di vendita. Ecco perché in alcuni casi optiamo per la promozione a pagamento su Facebook.

Mi hai detto che è Francesca Giraudo a occuparsi di contattare gli autori. Un compito difficile, considerando quanti sono gli elementi in campo: traduttori, case editrici, agenti…
C’è una regola che osserviamo sempre quando facciamo scouting: per quanto ci possa piacere un determinato libro e per quanto possiamo avere la quasi certezza che chiedendolo ci verrebbe affidato, non invadiamo mai il territorio altrui, sia che si tratti di autori che hanno già i loro traduttori self, sia che si tratti di Case Editrici che traducono anche autori self. Crediamo fermamente che ci sia posto per tutti, il mondo dell’MM romance è un oceano, non un piccolo lago.

Una domanda personale, che esula un po’ da quanto ti ho chiesto fino adora. Tu e Francesca siete solo socie, oppure siete diventate amiche?
Assolutamente sì. La cosa più bella è che da tutto questo è nata un’amicizia solida, importante. Io e Francesca non possiamo definirci solo due collaboratrici, siamo amiche e questo credo sia più importante di tutto il resto. Magari un giorno, per problemi personali o per chissà quale altro motivo, il Team potrebbe andare in prepensionamento, ma rimarrebbe viva la parte più importante: la nostra amicizia.

Tanti auguri, Alessandra. A te, Francesca e alle ragazze del Team.
Grazie della chiacchierata. Se ti mando “Sentenza di morte”, di Patricia Logan, me la fai una recensione?

Post precedente

Grande festa per una grande famiglia

Post successivo

“You and I”, il lato intimo di Jeff Buckley

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

1 Commento

  1. Emiliana
    28 marzo 2016 at 7:52 — Rispondi

    Si vede e si sente che sono grandi!
    Complimenti.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *