Recensioni

Fiducia cieca, di N. R. Walker

Titolo: Fiducia cieca (Blind
Faith).
Autore: N. R. Walker.
Traduzione: Pandora.
Editore: Triskell (Collana World / Rainbow), luglio 2014.
Prezzo: euro 4,49 (ebook).
La mia valutazione: quattro stelline.
Carter Reece, veterinario, inizia un nuovo lavoro in
una nuova città e risponde alla chiamata a domicilio di un cliente molto
speciale.
Arrogante, lunatico e assolutamente splendido, Isaac
Brannigan è cieco da quando ha otto anni. Dopo la morte di Rosie, suo cane
guida e sua migliore amica, non riesce a collaborare con il suo nuovo cane,
Brady.
Carter cercherà quindi di aiutare l’uomo e l’animale
nella fase iniziale del loro rapporto. Ma la domanda è: chi conduce chi?
 

Proprio in quel momento, un uomo non più vecchio di me
entrò nell’ingresso. Era vestito come se fosse appena sceso da uno yacht. Pantaloncini
cachi, polo bianca, costose scarpe da barca, in pelle, e piccoli occhiali da
sole scuri firmati che di sicuro costavano quanto prendevo io in un mese. Era in
forma: era alto quanto me, un metro e settantasette, e aveva capelli castano
scuro a spazzola e la pelle chiara. Era magnifico.
Carter Reece, il nuovo
veterinario, cade con tutte le scarpe nella trappola sensuale che l’inconsapevole
Isaac Brannigan gli tende. E s’innamora. Perdutamente.
Un legame che nasce timido e
cresce piano piano. Un sentimento tenero e bruciante, che arranca faticosamente
fra gli inciampi che Isaac mette sul suo cammino: l’arroganza, che è una forma
di difesa; la cecità, che non è solo fisica, ma che è anche incapacità di vedere con il cuore. Quando deciderà di
arrendersi a quest’amore, tireremo un sospiro di sollievo e ci guarderemo
attorno con un sorriso complice e soddisfatto.
Lieto fine assicurato anche
per il cane Brady, che finalmente avrà il padrone che ha sempre sognato:
amorevole ed elargitore di ottime crocchette.

Una storia deliziosa, che afferra
il vostro cuore e vi fa sognare.
Post precedente

Scrivilo sulla mia pelle, di Flumeri & Giacometti

Post successivo

Falsa partenza, di Janey Chapel

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *