Gli amici del MagRubriche

Ed Tassi ci parla di “Effetto Domino”

Sono trascorsi pochi giorni dall’uscita per Harlequin Mondadori del nuovo Romance di Edy Tassi. Vista l’accoglienza che il pubblico di lettrici appassionate ha fatto a questo caldissimo romanzo, abbiamo chiesto all’autrice di parlarci di “EFFETTO DOMINO“.

Effetto Domino. Ho cominciato a scrivere questo romanzo poco prima che uscisse Ballando con il fuoco. Non sapevo ancora come sarebbe stato accolto il mio lavoro, ma avevo voglia di cimentarmi subito in qualcos’altro. Ci sono autori che hanno dentro di loro un solo libro. Io volevo verificare di non essere una di quelli. Temevo che le idee non sarebbero venute. Sarei riuscita a trovare dentro di me nuovi personaggi? Nuove emozioni? Un nuovo modo di raccontare scene che, purtroppo, rischiano di risultare sempre un po’ stereotipate?

Il primo passo per risolvere questi dubbi è stato scegliere l’ambientazione. Ho la fortuna di vivere in un posto ammirato in tutto il mondo. Il lago di Como. Respiro la sua atmosfera da sempre. Ho visto le sue acque quiete e immobili gonfiarsi fino a invadere piazza Cavour. L’ho percorso in motoscafo, in battello, ho perfino provato a conquistarlo su un paio di sci d’acqua. Conosco il panorama che si gode guardando le ville che si susseguono lungo la riva sinistra e la tranquillità più silenziosa e riservata della riva destra. Conosco i suoi due rami. La natura mondana di uno, quella più rude dell’altro. È un luogo che amo e che mi fa sentire privilegiata. Per questo ho deciso che il mio secondo romanzo sarebbe stato ambientato lì.

E poi i personaggi. Prima è nata Gloria. La sua genesi è frutto di alcune vicende che riguardano me, la mia vita. Piccole cose, che vi svelerò in altri post. Piccole curiosità che testimoniano come sia vero che, talvolta, la realtà supera la fantasia.

Una delle domande che viene rivolta più spesso agli scrittori è, «Cosa c’è di te in questo libro?». Be’, di me in Effetto Domino c’è molto. Oserei dire che tutto il romanzo è disseminato di piccoli accenni a ricorrenze, fatti, ricordi che mi riguardano. Anche le date, scoprirete, non sono messe a caso. Ovviamente ho rielaborato i fatti, ne ho tratto spunto e li ho incastonati qua e là. Quando li rivelerò, spero renderanno la lettura del libro più interessante.

E no, questi fatti non riguardano la parte erotica del romanzo (donne maliziose)!

Marco, il protagonista, è nato come antagonista di Gloria. Volevo qualcuno che fosse all’oscuro della verità che li legava. Volevo qualcuno che avrebbe scoperto con lei questa verità. Un uomo che avrebbe dovuto rivelarsi all’altezza della prova che si sarebbe trovato ad affrontare e in grado di trasformare un divario apparentemente incolmabile in un’occasione per dimostrare di essere quello giusto. L’uomo che Gloria aveva bisogno di avere vicino. Lui e nessun altro.

Poi ho cominciato a scrivere. I dubbi non si sono sciolti tutti, non subito. Ma come succede quando si scrive, a un certo punto ho individuato un sentiero, una strada e ho cominciato a seguirla. Parola dopo parola, un tassello dopo l’altro, quel sentiero si è trasformato in Effetto Domino anche grazie a una persona che in poco tempo è diventata un’amica, un punto di riferimento (e tu sai chi sei!).

Ora il romanzo è nelle vostre mani. Lasciatevi travolgere come Gloria e Marco e… fatemi sapere cosa ne pensate!

Post precedente

Intervista: Francesca Giuliani

Post successivo

Magia della Musica: David Crosby

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *