Pensieri sparsi

Dalla nostra corrispondente a Caldwell-2

Qualcuno ha chiesto alla Redazione “Dove va in ferie Babette Brown?”. Bene, adesso lo sapete. La nostra corrispondente da Caldwell cercherà di rispondere a tutte le lettere che sono arrivate nei giorni scorsi e che mostrano a chiare lettere la “fame” di notizie riguardanti i Confratelli e le Shellan. Grazie all’incontro con Alexa, una doggen che lavora nella Magione, Babette Brown è riuscita a carpire una messe incredibile di informazioni.

Cara Babette,

ho letto la tua risposta ad Antonietta e vorrei sapere: chi è questa Alexa di cui hai parlato? È lei che ti passa informazioni sulla Magione? Scusa la curiosità.

Marianna

—————-

Cara Marianna,

la tua è una curiosità legittima. Rispondo senza problemi, anche perché credo che tu non sia la sola a voler conoscere questa doggen.

Qualche settimana fa, mi trovavo alla Cloverleaf Tavern, a gustare un Ruben Sandwich con Sweet Potatoes Fries (una squisitezza, se vieni a Caldwell, te li raccomando). Come al solito, c’era una folla da non dirsi e ho trovato posto vicino a una ragazza. Era un po’ particolare… tu le conosci le caratteristiche dei doggen? Bene, anch’io. Ho attaccato discorso e mi sono bastati tre minuti per capire che:

  1. Alexa (questo il suo nome) è giovane e sprovveduta al massimo.
  2. Lavora (udite! Udite!) in una grande villa con un atrio colonnato e un mosaico che raffigura un melo in fiore.

C’è voluto poco per capire a quale “villa” si riferisse la ragazza… Ho fatto finta di niente e, con la mia solita abilità, le ho carpito qualche altra informazione. Senza insistere più di tanto. Ho pagato il conto per tutte e due e l’ho invitata a rivederci la settimana dopo, stesso giorno e stessa ora, per un tè (la ragazza mangia come un lupo) e due chiacchiere. Lei ha accettato e, in men che non si dica, è diventata un’informatrice di primissimo ordine.

Ti abbraccio.

Babette Brown

l-1P. S. Ho scoperto che Alexa chiama “tè” la birra. E alla Cloverleaf Tavern la birra scorre a fiumi. Mi era sembrata un po’ allegra la prima volta… Non vi dico le settimane seguenti, visto che pago sempre io!

—————-

Qualcuno avrà riconosciuto una vecchia rubrica tenuta negli scorsi anni per la Black Dagger Brotherhood Italian RPG.

N. B. Tutti i diritti appartengono a “La Confraternita del Pugnale Nero”, by J. R. Ward.

Post precedente

Josh Lanyon fa poker

Post successivo

Recensione: Il vuoto sotto le ali

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *