Recensioni

Dalla nostra corrispondente a Caldwell-17

Qualcuno ha chiesto alla Redazione “Dove va in ferie Babette Brown?”. Bene, adesso lo sapete. La nostra corrispondente da Caldwell cercherà di rispondere a tutte le lettere che sono arrivate nei giorni scorsi e che mostrano a chiare lettere la “fame” di notizie riguardanti i Confratelli e le Shellan. Grazie all’incontro con Alexa, una doggen che lavora nella Magione, Babette Brown è riuscita a carpire una messe incredibile di informazioni.

Cara Babette,

seguo fin dal primo momento la tua rubrica e devo dire che ne sto imparando di cose sui Confratelli, le Shellan e la Magione. Fritz, poi, è il mio idolo. Non mi sono per niente simpatici, invece, Alexa e Soap, che mi sembrano degli ingordi che ti sfruttano.

Passo alla domanda. Le Chosen/Elette (a parte quelle semi-impegnate con personaggi vari) cosa fanno dalla mattina alla sera? E Phury riesce a gestirle? Perché quella faccenda dei vibratori fosforescenti…

Tua Geraldine O’Grady

—————-

Cara Geraldine,

irlandese? Adoro l’Irlanda. Ho avuto un boy friend di Cork, quand’ero ragazza (millenni fa).

Me li ricordo i vibratori fosforescenti! Mancavano alla lista di Jane e V. Sapessi quanto ho riso, quando ho scoperto cosa se ne facevano le Chosen (o Elette, come leggiamo nella traduzione italiana).

Hai presente il Minipimer? Quello sbattitore-frullatore che tutti abbiamo in cucina? Bene, loro sbattono (non sghignazzare, nessun doppio senso) la maionese e la panna con i vibratori. Dicono che sono molto divertenti. Fritz è quasi svenuto, quando le ha viste armeggiare in cucina (erano venute in massa a trovare Leila). Come avevano fatto a procurarsi quei “cosi”? Una di loro ne aveva visto uno in mano a Jane, che stava facendosi quattro risate con Mary, e lo aveva subito chiesto in prestito. Jane si era incuriosita (non vi dico Mary) e aveva procurato alla tizia tutti gli altri della sua dotazione. Da allora, le Elette se la spassano come matte (Phury non è PER NIENTE contento): maionese e panna montata tutti i giorni. Jane e V non avranno mai indietro i loro giocattoli.

Per quanto riguarda le altre due domande, mi riservo di risponderti la prossima volta. Lo spazio a me dedicato si è esaurito. Buona giornata.

Tua Babette Brown

—————-

Qualcuno avrà riconosciuto una vecchia rubrica tenuta negli scorsi anni per la Black Dagger Brotherhood Italian RPG.

N. B. Tutti i diritti appartengono a “La Confraternita del Pugnale Nero”, by J. R. Ward.

Post precedente

Dalla nostra corrispondente a Caldwell-16

Post successivo

Dalla nostra corrispondente a Caldwell-18

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *