Segnalazioni

Segnalazione: Crash, di Barbara Poscolieri

Alessandro Alari è un giovane pilota romano della scuderia Speed-Y, in corsa per il titolo mondiale del Grand Race. Durante il Circuito di Roma rimane vittima di un incidente in cui perde entrambe le gambe. Il mondo dei motori è sconvolto, così come tutte le persone vicine al pilota. Solo Alessandro crede che un ritorno alle gare sia ancora possibile, con o senza gambe. Inizia quindi un percorso di accettazione e di riabilitazione, supportato dalla fidanzata Federica, dai genitori e dagli amici, con l’obiettivo di riguadagnarsi il posto che merita nella vita e in pista. Ma nel frattempo la Speed-Y ha trovato un nuovo pilota e sembra non credere nel suo recupero. La fiducia di Alessandro vacilla e anche il rapporto con Federica ne risente. Si rifugia quindi nel suo piccolo paese d’origine, dove ritrova la serenità in una vita semplice. Ma il Grand Race invoca il suo nome e, per quanto Alessandro cerchi di ignorarne il richiamo, le corse restano parte di lui.

Titolo: Crash.
Autrice: Barbara Poscolieri.
Genere: Romance sportivo.
Editore: Dunwich.
Prezzo: euro 3,99 (e-Book); euro 12,90 (cartaceo).

Dietro le quinte…

“Crash” trae ispirazione dal tragico incidente di Alex Zanardi sulla pista del Lausitzring: era il 2001, pochi giorni dopo l’attentato alle Torri Gemelle, durante una corsa automobilistica che fino all’ultimo non si sapeva neanche se si sarebbe disputata. Alla fine si è deciso di gareggiare, perché la vita deve andare avanti, e Zanardi ha avuto l’incidente in cui ha rischiato di morire dissanguato e ha perso le gambe. Ironia della sorte. Ma da quel momento, il pilota italiano è diventato un esempio di forza e di coraggio, un campione ancora più grande di quello che è sempre stato: non si è arreso, ha lottato e alla fine è tornato più vincente che mai.

È proprio quell’esempio che vuole seguire Alessandro Alari, giovane pilota romano che gareggia nel Grand Race (campionato di fantasia), che proprio sul circuito della propria città rimane coinvolto in un incidente simile per dinamica e conseguenze a quello del suo idolo. Anche lui si ritrova su una sedia a rotelle, con due moncherini al posto delle gambe che sembrano annunciare al mondo il suo ritiro. Eppure Alessandro non demorde e si impegna con tutte le sue forze per tornare in pista. Accanto a lui, a supportarlo nonostante la paura di perderlo, c’è la fidanzata di sempre, Federica: comprensiva e granitica, è il bastone al quale Alessandro può appoggiarsi per rialzarsi. Almeno finché non è proprio lui a lasciarlo andare nel suo momento più nero. Fondamentali in questo frangente sono i genitori e gli amici di infanzia che Alessandro ritrova quando si rifugia a Trevignano Romano, suo paese d’origine. Lì riassapora una vita fatta di semplicità, di mani sporche di grasso dopo aver lavorato in officina con il padre, dell’odore dei panni stesi ad asciugare da sua madre, di abbracci e silenzi con amici che ritrova dopo anni, lì, dove sono sempre stati ad aspettarlo e a fare il tifo per lui, come pilota e come uomo.

Sullo sfondo di queste vicende, il mondo a tutta velocità dei motori: un mondo che non aspetta che un uomo sia pronto prima di dare il via alla corsa. O forse sì?

Barbara Poscolieri nasce a Roma nel 1983. Dopo essersi laureata in Medicina e Chirurgia e aver conseguito la specializzazione in Medicina dello Sport si trasferisce a Venezia, dove attualmente vive e lavora. Quella per la professione medica è la sua seconda passione, perché al primo posto c’è da sempre la scrittura.

Nel 2013 ha esordito con il romanzo fantasy Ombra e Magia (GDS Editrice) e negli anni successivi si è dedicata soprattutto ai racconti brevi, in particolare di genere fantastico.

Nel 2015 vince il concorso letterario Creep Advisor con il racconto horror dal titolo Il boia di Roma, presente nell’omonima antologia.

Crash, vincitore del concorso Dunwich Life, è il suo primo romanzo mainstream.

Post precedente

Recensione: Gioie e dolori, di Abigail Roux

Post successivo

Il Taccuino di Matesi: Autobiografia di una lettrice

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *