RubricheSelfHelp

Intervista alle lettrici e ai lettori di Romance

Venerdì 16, alle 11 e 28 ho postato quattro domande sul mio profilo Facebook e le risposte non sono tardate ad arrivare, molto più numerose di quanto mi aspettassi. Potrete controllare sul mio diario.

Le domande erano quattro e formulate molto semplicemente.
1.     Apprezzate il sesso in un romanzo rosa?
2.     Tira e molla, quanti ne tollerate?
3.     Trilogie, quadrilogie: qual è il limite prima che il brodo diventi acqua?
4.     Descrizioni sì, ma come?

Quattro domande formulate “a bruciapelo”, in modo informale per avere risposte di getto, il cui scopo era verificare il fatto che ogni genere ha i suoi ingredienti.  E questo ho ottenuto, qualche risposta che spero sarà utile anche a voi.

1

Immagine 1

Mi sono arrivati 107 commenti da un campione di uomini e donne di età compresa fra i 18 e 65 anni, italiani o di lingua italiana, interessati all’argomento, ai suoi sviluppi e alle considerazioni. Ho cercato di differenziare gli autori da lettori e blogger (e altre tipologie). Posso aver incluso due o tre autrici fra le lettrici non conoscendone l’attività; gli uomini intervistati invece sono tutti autori.

Scopo di quest’intervista è trovare qualche informazione che possa aiutarci nel lavoro di stesura di storie romantiche.

Parto dalla prima considerazione che costituisce anche una premessa: ESISTE UNA COMMUNITY di LETTERATURA ROSA. Questo è il primo dato che balza agli occhi, ed è lampante.

2

Immagine 2

Fanno parte di questa community lettori, blogger, editor, grafici e autori. La popolazione maschile intervistata risulta il 2,8% del campione, dato parziale che penso non si discosti molto dal dato reale che definisce la community. Prendiamo atto che esiste, è numerosa, poco omogenea ma piuttosto compatta, come una specie di panettone con uvetta, canditi, pasta, lievito, zucchero, frutta secca. Non tutti gli ingredienti piacciono e vanno bene a tutti, ma fanno parte del pandolce.

La prima domanda, visto che parliamo di rosa, mirava a testare l’apprezzamento della componente erotica: “Sì, no, vi piace in che misura?”

Lascio parlare il grafico che spiega più di mille parole.

12170755_1621084964809111_1089400209_n

12166013_1621085048142436_986284294_n

12165793_1621084978142443_1643120529_n

Immagine 3 – ITEM 1

Nella risposta “Sì”, sono inclusi tutti coloro che apprezzano e desiderano leggere scene erotiche nei libri rosa e non hanno espresso perplessità né sul linguaggio colorito né sulle scene spinte.

Ho differenziato i “Sì” pieni dai “Sì ma”, perché in questa seconda tipologia ho incluso gli intervistati che hanno specificato la loro preferenza per scene erotiche ben descritte, non volgari e contestualizzate, evitando di scadere nel porno, tuttavia le considerano come parte indispensabile nel moderno romanzo rosa. Notate che i pochi uomini intervistati hanno risposto “Sì ma”.

“Sì e No” significa che la scena di sesso può anche non esserci, non inficiando la qualità del romanzo. Infine c’è stato un solo “No”.

Nel primo grafico, il campione è rappresentato nella sua interezza, in quelli successivi ho differenziato le due tipologie, lettori e autori.

Notate come la percentuale di coloro che non pongono condizioni al racconto erotico sia maggiore  nel grafico relativo ai lettori puri.

Ora guardate che cosa accade se vengono combinate insieme le prime due risposte:

4

Immagine 4 – ITEM 1-a

Credo che  il dato sia chiaro: le scene erotiche sembrano essere un ingrediente fondamentale da inserire nel romanzo.

La seconda domanda riguarda la trama e un topos molto diffuso nella letteratura rosa, altro ingrediente molto presente, spesso usato più volte nello stesso romanzo: “Tira e molla, quanti ne tollerate?”

12166280_1621093241474950_1484675348_n

12166682_1621093271474947_1836242579_n

12167229_1621093314808276_1600998392_n

Immagine 5  – ITEM 2

Dal grafico si evince che le coppie letterarie che “si prendono e si mollano” più di due volte possono risultare poco credibili, ma se confrontate i diagrammi noterete che un numero rilevante di lettori puri sono propensi ad accettare trame complicate da numerosi abbandoni se ben motivati.

La terza domanda riguarda i romanzi auto-conclusivi, saghe e le famigerate trilogie. Quando uno scrittore rosa dovrebbe fermarsi? Desidero ribadire che le domande riguardano i romance, quindi non romanzi gialli, di fantascienza  o saghe fantasy.

12166428_1621086918142249_1689327354_n

12166615_1621086954808912_1229761849_n

12165741_1621087034808904_1854296956_n

Immagine 6 – ITEM 3

Il primo dato interessante è che tutti, anche coloro che prediligono i romanzi auto-conclusivi, hanno un occhio benevolo nei confronti delle serie, cioè va benissimo leggere storie collegate purché all’ultima pagina di ciascun libro compaia la parola “fine”, questo per spiegare la catalogazione della prima risposta.

In blu e azzurro vediamo le preferenze riguardanti i romanzi singoli e il sequel come limite massimo. In rosso, invece, sono evidenziate le risposte di chi legge trilogie e saghe anche molto lunghe. Se osservate le due rappresentazioni grafiche differenziate per lettori e autori noterete che chi scrive ama meno trilogie e saghe dei lettori puri.

Un dato interessante emerso dalle interviste è che il lettore è attirato dalla trilogia e dalle serie ma è spaventato dalle lunghe attese tra una pubblicazione e l’altra e spesso rinuncia. Gli editori sono avvisati.

Arriviamo alla quarta domanda: in quale misura le descrizioni sono apprezzate in un romanzo d’evasione?

12165947_1621094921474782_869958138_n

12166644_1621094938141447_795192165_n

12166393_1621095181474756_626057463_n

Immagine 7  – ITEM 4

Il dato interessante emerso dalle risposte è che una bella pennellata d’autore piace a tutti. Infatti anche chi non apprezza le descrizioni lunghe che spezzano la narrazione, ama però leggere poche righe, ben scritte e disseminate nel testo per creare la giusta atmosfera, senza annoiare né rompere il ritmo.

Diamo la solita occhiatina ai grafici, che cosa ci dicono?

I lettori parlano di descrizioni ben armonizzate nel fluire della narrazione, mentre le risposte degli autori hanno posizioni più estreme: da un lato c’è chi predilige descrizioni lampo – guardate il terzo grafico – mentre molti si fanno  trasportare dalle parole anche quando leggono.

Attenti a infodumping ed esposizioni minuziose che riempiono intere pagine, rischiate di annoiare.
E sapete perché?
Perché il brano spesso viene saltato, questo ci dicono molti intervistati.

Descrizioni?
Cito una risposta: “Più d’effetto che di quantità”.

Ricordo che stiamo parlando di romance, e mio scopo era appurare se ciò che è apprezzato in altri generi sia accolto altrettanto bene in “contesti rosa”.

Io, ad esempio, quando leggo un giallo sono diffidente nei confronti delle scene erotiche, anche se brevissime e meno esplicite di quelle che tanto mi piacciono nei rosa, perché mi distraggono dalla trama.

Da qui sono partita e ho ottenuto le risposte che cercavo, per cui vi ringrazio della sollecitudine e della disponibilità e spero che quello che ho osservato sia utile anche a voi.

Ora mi piacerebbe scoprire qualcosa di più sui blog? E a voi?

Post precedente

Trittico italiano per L'Artiglio Rosa

Post successivo

Maddalena Cafaro legge "Le foto di Tiffany"

IlVeloNero

IlVeloNero

Qualcosa di me...
Beh, che dire? Sono nata, sono viva... credo.
Giovane: non troppo, non sempre. Mica tanto…
Vecchia: mai!
Confusionaria.
Ho studiato. Parecchio. Smemorata.
Ligure.
Passionale, per nulla romantica.
Scrivo storie rosa molto piccanti. A lieto fine.
Ah, dimenticavo... “tengo famiglia”.

23 Commenti

  1. Emiliana De Vico
    31 ottobre 2015 at 6:45 — Rispondi

    O cavolo! Cavolo! Quante belle notizie. Ancora, Il VeloNero. Grazie

  2. dario villasanta
    31 ottobre 2015 at 7:09 — Rispondi

    Bellissimo articolo, disamina lucida e concreta dei dati raccolti. Complimenti per l’iniziativa e, sì, mi piacerebbe sapere qualcosa di più sui blog. E mi verrebbe d’istinto di ‘rubarti’ l’idea per sondare i lettori noir…

    • Babette Brown
      31 ottobre 2015 at 7:25 — Rispondi

      Perché no, Dario? Conoscere gusti e preferenze dei lettori può essere utile a chi scrive un determinato genere.

    • VeloNero
      31 ottobre 2015 at 7:31 — Rispondi

      Ovvio che sì, Dario. E se hai bisogno…

  3. Cliojb
    31 ottobre 2015 at 7:28 — Rispondi

    Bellissimo ed interessante sondaggio. Utile soprattutto alle autrici.
    Complimenti.

  4. 31 ottobre 2015 at 8:14 — Rispondi

    Sondaggio molto interessante, alcuni risultati fanno riflettere. Strano come i pensieri degli autori non sempre collimano con quelli dei lettori. Da tenere in considerazione e prendere nota. Grazie VeloNero, ottimo lavoro. Attendo con ansia un altro utile sondaggio.

  5. Lidia Calvano
    31 ottobre 2015 at 8:16 — Rispondi

    Molto interessante, grazie! Una bellissima iniziativa di grande utilità.

  6. Giovanna
    31 ottobre 2015 at 8:24 — Rispondi

    ciao,

    molto utile come sondaggio. Credo che aiuterà molte autrici del genere a costruire storie più apprezzate (io amo anche un certo mix di generi nei romanzi rosa)

  7. Letizia Draghi
    31 ottobre 2015 at 10:50 — Rispondi

    Interessantissimo!

  8. Macrina
    31 ottobre 2015 at 13:49 — Rispondi

    Grazie, velo. Interessante. vedrò di rendere i miei rosa un pochino più pepati se è questo che piace ai lettori.
    PS) sei una bomba, un solo appunto, si possono ingrandire un po’ gli indicatori dei grafici a torta? Li leggo male.
    grazie.

    • Babette Brown
      31 ottobre 2015 at 16:13 — Rispondi

      Abbiamo fatto una fatica del diavolo con i grafici. Purtroppo, il programma ci taglia le gambe.

    • Babette Brown
      31 ottobre 2015 at 16:17 — Rispondi

      Più pepati… magari, Macrina!

  9. Charlotte Lays
    31 ottobre 2015 at 15:55 — Rispondi

    Grazie, Velo!!!
    Utilissimo sondaggio e interessanti conclusioni!

  10. Babette Brown
    31 ottobre 2015 at 16:24 — Rispondi

    GABRIELLA FAEDO ELLIE CLIVENS: Un articolo utilissimo che mi ha fornito parecchi suggerimenti, soprattutto per quanto riguarda le descrizioni: vedrò di inserirne un po’ di più nel mio prossimo libro. Grazie mille!

  11. Babette Brown
    31 ottobre 2015 at 16:25 — Rispondi

    LINDA BERTASI: complimenti Raffaella VeloNero esaustiva e attenta analisi! Vorrei saperne di più sul genere storico da tanti apprezzato da altri osteggiato, eppure le grandi case editrici continuano a pubblicarne con buoni risultati, ma tra i miei lettori, per esempio, il commento che sento più spesso è “l’ho iniziato con diffidenza poi è andata bene” c’è sempre prima la diffidenza visto il genere. Seguirò anche quello sui blog Emoticon smile.

  12. Babette Brown
    31 ottobre 2015 at 16:25 — Rispondi

    SAMANTHA L’ILE: Comunque molto interessante e mi ritrovo con le risposte della maggioranza. Forse solo per le scene d’amore sono tra le minoranze, un “sì, ma”

  13. Babette Brown
    31 ottobre 2015 at 16:26 — Rispondi

    LIDIA CALVANO: Grande idea! Se ne ricavano molti spunti e tante riflessioni, grazie!

  14. Babette Brown
    31 ottobre 2015 at 16:26 — Rispondi

    ANONIMASTREGA: Scusa, in che senso solo romance classico e non fantasy? Quando si parla di “saghe” e “trilogie” immagino che i lettori invece pensino proprio al paranormal e all’urban, anche perché nel tradizionale in genere abbiamo “serie” con volumi autoconclusivi, magari su secondari che diventano protagonisti nella storia successiva, mentre nelle trilogie e nelle saghe la protagonista è sempre la stessa e – “pilot” a parte – è difficile che i volumi poi abbiano tutti la parola “fine” nell’ultima pagina.

    • Babette Brown
      31 ottobre 2015 at 16:27 — Rispondi

      VELONERO: Questo intendo. Pensa a un commissario in un noir: nessuno si pone il problema “serie”, anzi la costante del personaggio è garanzia del successo. Scrivere di un amore “a puntate” è diverso per la credibilità stessa della storia d’amore.

      • Babette Brown
        31 ottobre 2015 at 16:27 — Rispondi

        ANONIMASTREGA: Ma nell’urban fantasy/paranormal romance c’è pieno di saghe e trilogie a puntate, e piacciono per quello. Il più grande successo adult del genere è Sookie Stackhouse/True Blood e lì addirittura vengono meno persino tutte le vecchie regoline su tradimenti, amori che finiscono, nascono, ritornano… Emoticon smile Dal grafico sui lettori secondo me esce fuori questa cosa… non credo stessero pensando ad altro.

  15. Babette Brown
    31 ottobre 2015 at 16:28 — Rispondi

    GIOVANNA BARBIERI: I romance storici, per me, sono i migliori Emoticon wink poi va molto a gusto personale Emoticon smile

  16. Babette Brown
    1 novembre 2015 at 10:23 — Rispondi

    ALEXANDRA MAIO: Ottimo articolo, Velo. Mi ha aperto gli occhi sulle preferenze dei lettori. Cercherò di adeguarmi! Grazie. Emoticon smile

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *