Gli amici del MagRubriche

Cinzia La Commare presenta “Ad un bivio tra me e te”

Titolo: Ad un bivio tra me e te
Autore: Cinzia La Commare
Editore: Self Published (You Can Print)
Genere: Romance contemporaneo
Pagine: 316
Formato: ebook e cartaceo
Prezzo: € 2,99 ebook / €. 17,90 cartaceo

http://www.amazon.it/Ad-bivio-tra-Cinzia-Commare-ebook/dp/B013MO4FB0/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1444469027&sr=8-1&keywords=ad+un+bivio+tra+me+e+te

Il libro io amo definirlo “double face”, nel senso che ha, a tutti gli effetti, due copertine e il lettore può decidere da quale punto di vista iniziare a leggere la storia: da Carlotta, o da Antoine.
Ognuno dei protagonisti porta con sé le proprie vicissitudini personali, oltre che la propria visione della storia comune. Molte cose, però, il lettore potrà capirle solo dopo aver letto entrambi i punti di vista.
Ho iniziato a scrivere questo romanzo quasi di getto, improvvisamente!
Tutto è iniziato da Carlotta, inizialmente era lei l’unica voce narrante del romanzo: una ragazza come tante, con un sogno da realizzare, nel suo caso diventare chef di un importante ristorante parigino. Una ragazza che nel corso della storia capirà molte cose anche di se stessa.
Poi, Antoine ha preso vita nella mia testa e ha stravolto la struttura del romanzo. Il suo personaggio non è facile, è un uomo con diverse problematiche legate al suo passato e alla sua infanzia. Un uomo che conduce uno stile di vita discutibile, forse. Non voglio rivelare molto di lui.
Il romanzo, dunque, è una storia d’amore, ma non solo. Ogni cosa è influenzata dalla psicologia dei personaggi, da quello che hanno vissuto fino a quel momento, ogni scelta sbagliata o giusta… ogni segreto e ogni bugia. Ogni azione.
Quello che amo del mio libro, come dicevo,  è la struttura finale: un solo libro, ma con due storie diverse e parallele. Da lettrice avrei amato un romanzo strutturato in questo modo. Poter capovolgere il libro per scoprire i pensieri e il punto di vista dell’altro protagonista è quello che spesso avrei voluto poter fare con i romanzi che ho letto e, a tale proposito, concludo con un pezzetto della frase iniziale del romanzo stesso: “Una storia d’amore nasce da due punti di vista!

Quando Carlotta Borghesi, trentenne italiana appassionata di cucina, incontra casualmente Antoine, un affascinante uomo francese di trentasei anni, si accorge di non riuscire a togliersi dalla testa il suo sguardo.
Convinta però che nella caotica Parigi non lo rincontrerà mai più, prova in tutti i modi a smettere di pensarci, fino al giorno in cui Antoine non compare improvvisamente davanti la sua nuova casa parigina. Carlotta si rende conto di non aver mai dimenticato quello sguardo cupo, ma seducente.
Si lascia travolgere dalla passione e decide di dare fiducia ad uno sconosciuto. Inizia una storia d’amore veloce ed inaspettata, ma non tutto è come sembra.
Antoine, invece sta fuggendo dai suoi tormenti quando nei pressi della Tour Eiffel incontra Carlotta. La fisicità di quella sconosciuta lo distrae momentaneamente dai suoi cupi pensieri e quando i loro sguardi si incrociano qualcosa in lui cambia. Nei giorni a seguire si rende conto di quanto quella ragazza sia perennemente nei suoi pensieri e farà di tutto per incontrarla ancora.
In poco tempo Antoine riesce a fare breccia nel cuore di Carlotta, ma le sue scelte sbagliate porteranno a delle inevitabili conseguenze. I segreti rimasti troppo a lungo tali potranno essere perdonati? …Una storia d’amore nasce da due punti di vista, ma se è vero amore finiranno per guardare nella stessa direzione!

Nata e cresciuta in Sicilia, appena finiti gli studi ha conosciuto colui che dopo tre anni di fidanzamento è diventato suo marito. Dopo il matrimonio ha lavorato in un negozio d’abbigliamento per bambini di cui era la proprietaria. Questo le ha permesso di iniziare a scoprire il mondo del lavoro e a superare un po’ la timidezza. Abbandonata l’avventura da commerciante, ha deciso di dedicarsi alla passione per la cucina scrivendo una raccolta (In Cucina Con Cinzia) contenente 100 ricette, pubblicata in self- publishing. Ama leggere libri di genere Romance, anche se legge un po’ di tutto. Nell’ultimo periodo ha scoperto la passione per la scrittura e da questa nuova passione nasce il suo primo romanzo “Ad un bivio tra me e te”.

Post precedente

Maddalena Cafaro: recensione di "Talon", di Julie Kagawa

Post successivo

Le interviste di Amneris Di Cesare: Adele Vieri Castellano

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *