Eventi

Catena di libri: Mike Summers torna a casa

Dopo
aver gironzolato per l’Italia, Mike Summers torna a casa. La catena di libri si
è conclusa.
A Babette, che ha creato questa catena, e a tutti coloro
che leggeranno. Buon divertimento!
Monica
Atlanta, Georgia, novembre 2007.
Una donna viene trovata morta, nella sua vasca da bagno.
Sul posto viene chiamato Mike Summers, il più giovane
tenente dell’Unità Omicidi della Polizia di Atlanta. Che affronta i casi come
dei puzzle da risolvere.
Vanessa Dunhill era una programmatrice. Perché nessuno
sembra sapergli dire esattamente a che cosa lavorava? Era sola. Ma chi era
l’uomo con lei quella sera?
L’immagine del puzzle fatica a prendere forma. E l’unica
che sembra poterlo aiutare è Julia, la sorella della vittima. Che forse sa più
di quanto non creda di sapere.
Indizio dopo indizio, scatola dopo scatola, Summers,
insieme alla sua squadra, procede caparbio alla ricerca di quell’unica traccia
che può raccontare la verità.
Nascosta sotto strati di apparenza, nella scatola più
piccola del gioco di incastri.
Un incontro folgorante quello con Mike Summers e Monica
Lombardi. Una “cotta” per un personaggio che ti entra nella testa e vi prende
alloggio. Per sempre.
Babette Brown
Ciao, è stata proprio una bella lettura. Non conoscevo
questo genere, ma devo dire che è intrigante e tu scrivi proprio bene!
Complimenti.
Eva
Ciao Monica, è stato un piacere scoprire il genere romantic
suspense con questo tuo libro! Mi sono piaciute l’impostazione a mo’ di telefilm
poliziesco e l’azione serrata. I miei personaggi preferiti? Mike ovviamente e
Vicky (nutro grandi aspettative su di lei!). sicuramente leggerò gli altri
romanzi. Complimenti e buon lavoro!

Laura Randazzo

Il tenente entrò in
casa, estraendo dalla tasca della giacca un paio di guanti in lattice. Sotto le
luci calde dell’anticamera, appariva meno giovane di quanto potesse sembrare
nella penombra del portico, ma non arrivava comunque ai quaranta. I capelli,
tagliati corti, erano un po’ arruffati sulla sommità del capo, e neanche la
pioggia che li aveva bagnati riusciva a nasconderne la tonalità castano chiara,
quasi bionda. I lineamenti erano fini, la bocca ben modellata, solo il naso
leggermente troppo grande rompeva i canoni di un viso che altrimenti si sarebbe
potuto considerare molto attraente.
Uno carino, sì, ma “normale”. Era ora.
Babette Brown
Che dire? Davvero felice che un’autrice nostrana sia capace
di esprimersi a livelli così eccelsi in un genere quasi sconosciuto al pubblico
solo un paio di anni fa. Mike è un vero poliziotto, con pregi e difetti, che
conosce i propri limiti e si affida alle competenze dei vari membri della
squadra. Julia è una donna non solo intelligente, ma anche volitiva e capace.
Il grande pregio di questi personaggi è l’umanità, non ci troviamo di fronte a
involucri sterili di finta perfezione, il che li rende reali. Se posso
permettermi un appunto, forse, è solo lo sbilanciamento tra gli aspetti
Romantic e Suspense, perché l’ago pende nettamente per il secondo. Ma stiamo
parlando di un primo lavoro, e so che ne sono seguiti altri, quindi mi riservo
per la lettura desiderata e, sicuramente, piacevole.
***** Christiana V
P. S. Spero comprenderai la mia grafia da medico.
Cara Monica,
Mike torna a casa, dopo avere trascorso qualche mese fra
braccia affettuose (non essere gelosa). Il Romantic Suspense è un genere che mi
ha affascinato fin dal primo libro. Ne sono diventata dipendente.

Babette Brown



Post precedente

Ossessione color cremisi, di Simona Liubicich

Post successivo

Catena di libri: I love Capri torna a casa

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

1 Commento

  1. 19 aprile 2015 at 20:42 — Rispondi

    Che emozione leggere i vostri commenti ragazze, grazie! <3
    E grazie a Babette che ha creato questa catena 🙂
    Quelli di Mike Summers sono fondamentalmente dei polizieschi, quindi il giallo ha sempre molto spazio. Non so se sarete d'accordo con questa mia valutazione: la parte romance ha meno spazio in termini di pagine ma ha molta importanza come forza trainante della storia. E' un po' l'anima dei romanzi, insomma. In "Scacco matto", poi, di coppie ce ne saranno due 🙂
    Buon proseguimento a chi deciderà di continuare con la serie e ancora grazie!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *