Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Autobiografia di una lettrice

  La mia vita di lettrice è stata sempre all’insegna di una dissociazione schizofrenica tipo Jekyll/Hyde. Da una parte leggevo romanzi di alta letteratura: I promessi sposi a 10 anni e poi via via tutti i classici, approfittando della biblioteca scolastica, perché all’epoca non esistevano le paghette, oppure, dopo l’avvento …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRecensioniRubriche

Il Taccuino di Matesi: Valeria Corciolani

Valeria Corciolani è una scrittrice insolita e originale nel panorama letterario italiano. Ha cominciato con Emma books, ma per l’ultimo titolo è passata ad Amazon publishing. Sulla carta chiunque penserebbe che i suoi romanzi non mi siano congeniali. E avrebbe ragione. Perché nulla al mondo mi attira di meno dei …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Virginia Dellamore

Comprai il primo romanzo di Virginia Dellamore nel 2015 a 0,99, prezzo bassissimo che doveva diventare caratteristica fondamentale dell’autrice. Si presentava come un esordio e il nome appariva con ogni evidenza uno pseudonimo. Prudentemente scaricai l’anteprima e ne ricavai una buona impressione, impressione poi pienamente confermata dalla lettura. Il romanzo …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Federigo e Nastagio

Il mio primo incontro con Boccaccio avvenne nel 1967, quando ero in I liceo classico. Per la verità rimasi un po’ sconcertata leggendo, nella storia della letteratura italiana di Petronio, qualche allusione a novelle audaci. L’unica del genere che avevamo studiato era la storia di Lisabetta da Messina e audace …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Angela White

Fin da quando ho cominciato a pubblicare questi articoletti, prima per Insaziabili letture, poi per Babette Brown legge per voi, ho tentato più volte di scrivere sulla narrativa di Angela White, ma non ci sono mai riuscita. Forse perché si tratta di un’autrice davvero complessa, per tematiche e stile, da …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Una donna senza importanza

Questa commedia di Oscar Wilde venne rappresentata la prima volta nel 1893. Lo sfondo è quello usuale del suo teatro: una società frivola e corrotta, dedita a giochi di parole, pettegolezzi e sesso superficiale, rappresentata pienamente da lord Illingworth, un pari del regno esteta, seduttore e libertino. Ha appena assunto …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Time Travel e dintorni

Per molti anni, per tutta la mia giovinezza almeno, sono stata una lettrice amante del realismo e della razionalità: quindi niente streghe e fantasmi, niente vampiri e lupi mannari e tantomeno time travel: non ho mai letto La macchina del tempo di Wells e ho trovato noiosa e disturbante La …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Pirandello ed Enrico IV

Enrico IV fu messo in scena da Pirandello nel 1922. Non si sa chi sia il protagonista. Nell’elenco iniziale dei personaggi in genere viene presentato così: …/Enrico IV. Nell’edizione Liber Liber addirittura non c’è proprio. Lapsus molto pirandelliano. Vent’anni fa, quando era giovane e innamorato di Matilde Spina, l’innominato in …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Problemi di comunicazione

Ho comprato I Medici. Una dinastia al potere il 15 ottobre scorso, cioè tre giorni prima che su Rai 1 cominciasse la fiction internazionale, destinata a grande successo. Fin da subito sono stata convinta, per averlo letto da qualche parte, che il romanzo avesse fornito il soggetto allo sceneggiato e …

LEGGI →
Il Taccuino di MatesiRubriche

Il Taccuino di Matesi: Sapori rosa storici, ovvero tutti i gusti son gusti

Personalmente preferisco i romanzi ambientati in epoche diverse dall’attuale, dalla preistoria (periodo invero poco praticato dalle autrici) fino a tutto l’Ottocento. Ho qualche difficoltà con il Novecento, perché, ripeto sempre, mio nonno, morto negli anni settanta, ha combattuto nella I guerra mondiale. E, non so perché, mi è difficile immaginarlo …

LEGGI →