Il D(i)ario di DarioRubriche

Avvelenata n° 1

Caro d(i)ario,

tempo fa ho aperto Facebook per cazzeggiare un po’ e, mentre lo sguardo scorreva leggero e distratto sui post nella home, mi si è bloccato qualcosa in gola e il dito sul cellulare. Mi è infatti capitato davanti un post di un noto scrittore, che recitava testualmente così: “quelli che fanno un gruppo dedicato al proprio libro autopubblicato e ti ci iscrivono a forza meriterebbero una punizione speciale: qualcuno che legga quel libro e gli dica quanto fa schifo. Ma è un’impresa titanica, mi limito a disiscrivermi.

L’ho riletto più volte perché ero incredulo : come può infatti, un autore tanto celebrato, nonché con fama di essere stato un ‘alternativo’ e un ribelle, detestare così tanto l’autoproduzione?

Dopo l’iniziale istante di smarrimento, mi sono chiesto se non esagerassi. In fondo, anche a me dà fastidio che mi propinino a forza (spesso senza osservare le più banali regole dell’educazione) pubblicità di qualsivoglia tipo, da quella telefonica ai post sui social. Però un tarlo seguitava a rodermi nel cervello, il collegamento con l’autoproduzione letteraria non mi era proprio piaciuto.

E allora, caro d(i)ario, visto che solo a te posso dire queste cose senza scatenare un putiferio, sento il bisogno di sfogarmi e dire la mia su questa faccenda, senza peli sulla lingua.

Chi ha scritto quel post, non solo è di una supponenza irritante, ma evidentemente non si ricorda neppure da dove arriva: da quei centri sociali, dove trovava anche ospitalità, che anch’io ho conosciuto in gioventù (era più o meno lo stesso periodo). Quei posti, con pregi e difetti, erano il covo di idealisti che aborrivano l’idea di conformismo e di schiavitù del denaro, e favorivano in ogni modo l’attività musicale indipendente. Non so come si proponessero di fronte all’argomento letteratura, ma  sono certo che non avrebbero avuto nulla da dire sui testi autoprodotti.

Dov’è finito allora l’idealismo di quell’uomo? Si è dimenticato di tutta la sua gavetta? Di quanto è dura farsi spazio nella vita in generale, nell’ambito artistico in particolare?

Non lo so, mio caro d(i)ario, non riesco a capire perché se uno fa musica e si autoproduce gli dicono bravo, se lo fa uno che scrive viene dileggiato. Già, perché secondo quel post, si deduceva che il libro dell’autoprodotto fa schifo per forza, in quanto tale. Mi sento di dire una cosa, caro autore: ho motivo di ritenere che un bel numero di scrittori (e scrittrici) che oggi fanno la ruota con la coda perché pubblicano con questa o quella casa editrice, non valgono la maggior parte degli esordienti che ho letto. Pertanto, rispetti chi si dà da fare a prescindere dal risultato. Che poi, mi vien da dire, la cultura con la ‘c’ maiuscola, glielo garantisco, non ha bisogno (e non si serve) di disprezzo.

Post precedente

Cinquecento sfumature di Creed

Post successivo

I vincitori del Concorso letterario "Amore a modo mio"

Gli Amici del Mag

Gli Amici del Mag

Sono quelli che scrivono a Babette Brown: "Senti, avrei una cosetta da mandarti. Posso?"
E Babette, fregandosi le mani, incamera e pubblica.

4 Commenti

  1. marapaviola
    23 febbraio 2016 at 14:57 — Rispondi

    I libri devono essere giudicati per quelllo che valgono , per i loro contenuti e non certo per il modo in cui vengono fatti conoscere , anzi, in una società che ormai guarda solo al guadagno le librerie non sono più libere di scegliere i prodotti ma devono sottostare alle leggi di mercato e dunque tutto questo a scapito di autori interessanti che non hanno altro modo se non autoprodursi per far conoscere le loro opere.

  2. Silvia Ami
    23 febbraio 2016 at 15:05 — Rispondi

    Da neo autrice ibrida, ho un titolo pubblicato come self e uno con una casa editrice, mi sento di dire GRAZIE!

  3. 27 febbraio 2016 at 6:58 — Rispondi

    Caro Dario,
    una grande scrittrice, Mariangela Camocardi, mi ha ficcato in testa il termine UMILTÀ: in pochi ne conoscono davvero il significato. Vedo ogni giorno professionisti di qualsivoglia settore, autoincensarsi e sputare sul lavoro di chi si appresta a iniziare, come se esistessero solo loro al mondo. Non ricordano più di essere partiti, come gli altri, da zero. Poveracci, questo è l’unico termine che mi sento di attribuirgli; discorsi troppo elaborati sarebbero, nei loro confronti, una forma di interesse che non provo. Simo@

  4. dario villasanta
    19 maggio 2016 at 21:26 — Rispondi

    Grazie a tutte per il commento. Lo diciamo tutti, ma in verità, chi non guarda con altri occhi un edito da grande CE e un self? C’è ancora troppa spocchia, e ha ragione Giovanni Gentile nella nostra intervista quando dice che bisogna avere il coraggio di dire cosa fa schifo davvero e cosa no. Self o non self.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *