News

Anteprima: Una segretaria per Milord, un romance storico di Federica Soprani e Vittoria Corella

Federica Soprani e Vittoria Corella hanno perso una scommessa. Così sono state costrette ad abbandonare l’atmosfera gotico-dark-vittoriana di “Victorian Solstice” e quella steampunk di “Victorian Vigilante” per cimentarsi con un romance storico.

Ho letto in anteprima questa storia deliziosa (e in questo aggettivo trovate già la mia valutazione)…

In uscita per Harper Collins il 29 gennaio, ecco a voi “Una segretaria per Milord”.

Londra, 1912

Al grido di: Il voto alle donne, Emy White si è incatenata davanti ai cancelli del Parlamento di Londra. Non è la prima volta che ha la sfacciataggine di portare avanti in maniera tanto spudorata le richieste del Circolo del Voto di cui fa parte, ma di certo è la prima volta che qualcuno osa metterle le mani addosso. E non si tratta di un poliziotto… Il terribile affronto le arriva dal Conte di Reavley, deciso a por fine alla sua pantomima con la forza. Accecata dall’insulto, Emy lo schiaffeggia, salvo pentirsi amaramente di quel gesto, e solo perché lei disdegna la violenza. Pronta a chieder perdono, si presenta alla porta di milord che, però, non ha intenzione di scusarla tanto facilmente. Sarà sufficiente un mese come segretaria al suo servizio per far dimenticare alla bella suffragetta ogni velleità di parità sessuale? Oppure a veder crollare ogni sicurezza sarà proprio l’impeccabile gentiluomo?

Post precedente

I due mondi, di Deanike

Post successivo

La stirpe delle tenebre (VII), di Federica Soprani

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *