Recensioni

Anteprima: Questione di tempo 2, di Mary Calmes

6 maggio 2014: arriva…
Titolo: “Questione di tempo. Volume
2” (A matter of time vol. 2).
Autore: Mary Calmes.
Editore: Dreamspinner Press (6 maggio 2014).
Traduzione: N. A. M.
Copertina: Anne Cain.
Pagine: 478.
Prezzo: euro 6,99.
Per leggere un estratto,
andate QUI:
La mia valutazione: quattro
stelle.
Tre anni fa, Jory Harcourt ha cambiato il suo nome e
chiuso la porta a un passato pieno di dolore, per riemergere più forte
dall’altra parte. Adesso ha una nuova carriera, una socia fantastica e una vita
che lo soddisfa, eccetto che per il vuoto nel petto rimastogli quando il
detective di polizia Sam Kage se ne è andato via con il suo cuore.
Adesso Sam è tornato e sa quello che vuole… e quello
che vuole è Jory. Ma Jory non pensa che riuscirà a sopravvivere a un’altra
rottura o alla perdita di Sam a causa del suo pericoloso lavoro, ed è restio a
tornare fra le braccia dell’unico uomo che abbia mai amato. Quando un serial
killer, con un conto da saldare, lo prende di mira, Jory dovrà decidere se vale
la pena amare di nuovo, mentre cerca di risolvere il caso e tenere Sam al
sicuro.
 

Ragazzi, quanto mi siete
mancati!
Quando sentii un braccio avvolgermi alla vita, mi
voltai per trovare la sposa.
“Vieni a ballare con me,” mi sorrise.
Le sorrisi a mia volta e andai con lei sulla pista da
ballo. Boi due insieme non riuscivamo mai a essere seri nemmeno per un secondo.
Fra il suo vestito e il mio smoking, il nostro valzer fu dicuramente un po’
sopra le righe. Ci firono volteggi e casqué, tutti risero e ci applaudirono,
chiedendo il bis. Lei mi disse un numero infinito di volte quanto mi voleva
bene e, quando Dane arrivò a dividerci, invece di prendere Aja fra le sue
braccia, mi avvolse un braccio al collo e mi guidò via dalla folla per portarmi
verso il tavolo.
Sedemmo insieme, uno di fronte all’altro, con i gomiti
sulle nostre ginocchia, parlando a bassa voce.
“E’ inutile che lo dica, comunque… ho la donna che
amo, il fratello che amo, gli amici che amo… non c’è nessuno più fortunato di
me.”
Dopo tre anni, troviamo Jory
in un momento di grande gioia. Il fratello Dane si sposa, il lavoro nuovo va a
gonfie vele. Come sempre, gli amici (pazzi, irresponsabili, vera pietra miliare
di questa serie) fanno corona intorno a questi protagonisti.
Tutto bene? Veramente, no. E
lo sappiamo molto bene. Jory ha provato con tutto se stesso a dimenticare Sam;
si è anche legato, per un anno e mezzo, ad un uomo che lo ama e lo desidera
follemente. Ma… il vuoto nel cuore non si è riempito. Ed è un vuoto che ha la
faccia di Sam. Inutili le avventure da una botta e via, inutile anche la
relazione con Aron.
“Ehi.” La sua voce era così sussurrata che lo sentii
appena. “Guardami.”
Mi sentivo nervoso e irritabile senza nessun motivo.
Perché stavo reagendo così stranamente alla presenza di Sam Kage? “Così, ho
saputo che Dominic è andato in custodia protettiva e poi nel programma di
protezione testimoni, come la mia amica Anna. Sai dove siano adesso?”
Scosse la testa. “No. Ho sentito che Anna si è
risposata, però, aspetta un figlio. Me lo hanno detto quando Dom è entrato nel
programma di protezione. Sarai contento per lei.”
Annuii. “Lo sono. Davvero.”
“A cosa stai pensando?”
I miei occhi si spostarono velocemente sui suoi.
“Riesco sempre a capire quando ti stai concentrando su
qualcosa.”
Gli sorrisi. “E’ solo che è strano… Pensavo che Anna
avrebbe sempre fatto parte della mia vita, che di tanto in tanto ci saremmo
visti, capisci cosa voglio dire? E’ strano come nulla vada a finire come te lo
aspettavi.”
Sam ha lasciato la Sezione
Narcotici e lavora per la Omicidi. È tornato da un anno, ma non ha tentato di
riallacciare i rapporti con Jory. Perché? Tanto più che la famiglia di Sam non
ha rotto i ponti con Jory. Tutt’altro! “Sei
stato via per un sacco di tempo, Sam, ci siamo tutti abituati a non averti
intorno.”
Lo abbracciai perché un tempo l’avevo amato e averlo
fra le mia braccia mi faceva stare bene.
“Mi sei mancato,” disse, tremando per un attimo.
Avrei preferito fare i gargarismi col vetro che
rispondergli.
Sembra una situazione senza
sbocco. Jory non vuole passare nuovamente l’inferno che ha già vissuto tre anni
prima, quando è stato abbandonato. Sam sa finalmente cosa vuole. E chi vuole.
Ha aspettato di avere la situazione sotto controllo, prima di avvicinarsi
nuovamente a Jory.
“Tu mi appartieni,” disse lui secco. “Come sempre e
per sempre. Fattene una ragione.”
Rimasi in silenzio.
“Parla… sembra che tu abbia…”
“Fottiti, Sam. Mi hai lasciato. Te ne sei andato,
punto e basta, e mi sta bene perché conosco il motivo per cui lo hai fatto… ma
non ti illudere, non ritornerò di nuovo in quella situazione di merda con te.
Ne ho avuto abbastanza.”
Ricordate il Sam pieno di
dubbi, insicuro dei suoi sentimenti? Archiviatelo. Sam ha finalmente le idee
chiare: vuole Jory e lo avrà. A qualsiasi costo. Con qualsiasi mezzo. Per
fortuna, Jory è Jory… e casca come una pera cotta fra le braccia di Sam.
Tiriamo un sospiro di sollievo, anche se siamo un po’ meravigliati, perché il
romanzo è appena a metà…
Scopriamo subito che la
storia non è finita. Ci si mette di mezzo un pazzo (e non vi fornisco nemmeno
un accenno, non insistete, sono incorruttibile) intenzionato a distruggere la
vita di Dane e Aja, quella di Jory e Sam. È una lotta contro il tempo, contro i
dubbi e i sospetti. Un finale adrenalinico. Vincono i buoni… ma quanto amaro in
bocca!
Finalmente, arriva il lieto
fine. Sam e Jory. Jory e Sam. Per sempre.
“Sei bellissimo e tutti ti vogliono.”
Le sue mani erano dappertutto, ero senza fiato.
“Ma sei mio… solo mio.”
Mary Calmes fa “davvero”
trascorrere tre anni della vita di Sam e Jory. Li ritroviamo diversi, maturati.
Una crescita psicologica che li rende migliori. E che l’autrice racconta con
una penna di grande sensibilità. L’amore ritrovato è un sentimento adulto,
grande, capace di permeare di sé due esistenze. E di colmarle.

Un romantic suspense che ci
presenta due protagonisti di spessore. Dobbiamo dire “addio” a questi due. Io
non ne ho nessuna voglia. E voi?
Post precedente

Alla ricerca di Zach, di Rowan Speedwell

Post successivo

Il cuore della tempesta, di Thea Harrison

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

5 Commenti

  1. Anonimo
    1 maggio 2014 at 9:54 — Rispondi

    Infatti, li ritroviamo in altri due libri dopo di questo, LOL
    Ottima recensione

  2. 1 maggio 2014 at 10:34 — Rispondi

    Finalmente l'attesa sta per finire.
    Bella recensione Babette,complimenti.
    Sicuramente tirerò un sospiro di sollievo ,quando Jory e Sam finalmente si riuniranno.

  3. 1 maggio 2014 at 15:07 — Rispondi

    ottima recensione..e non vedo l'ora di leggere anche gli altri due con loro come protagonisti..ottima coppia davvero e scusa per la ripetizione ma è davvero un'ottima recensione. brava.

  4. 1 maggio 2014 at 18:37 — Rispondi

    ottima recensione, mi ripeto pure io, letto e riletto in lingua originale, ma finalmente me lo posso gustare in italiano. Si Jory e Sam sono maturati, ma Jory e' sempre simpaticamente la calamita dei guai come dice Sam!!!! Come sempre libro divertente romantico ma sopratutto di azione!!! con jory succede sempre di tutto!!!!

  5. 2 maggio 2014 at 18:32 — Rispondi

    Confermo quanto dice Susanna. Jory è una vera e propria calamita per i guai. Simpaticissimo personaggio, degno di contrapporsi a quell'orso di Sam.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *