News

Anteprima: Principessina

Susan Moretto ci presenta il suo nuovo romance Male to Male, a giorni in tutti gli store.

Ci sono due tipi di romanzi, nella vita di uno scrittore: quelli difficili, che ti fanno sudare e su cui ti blocchi, e quelli che ti arrivano nel cervello tramite fax. Questi ultimi sono immediati e forse anche semplici da elaborare, ma al tempo stesso travolgenti.

“Principessina” è stato questo, per me.

Stavo guardando un film. Ero distratta, stavo cucinando e sopportando quel demonietto di mio figlio, e non prestavo molta attenzione alla TV. Era un film già visto diverse volte, nulla che mi interessasse più di tanto, ma una volta cambiato canale mi sentivo a disagio. Cenavo e mi sentivo a disagio. Lavavo i piatti e mi sentivo a disagio. Rinchiudevo il piccolo demonio nella sua camera per la nanna e, indovinate un po’, mi sentivo a disagio. Era come un fastidioso prurito mentale, impossibile da grattare.

A notte fonda, nel mio letto, dopo essermi rigirata fra le lenzuola per ore, cedetti: presi il cellulare e cercai su Google le foto di Jamie Campbell Bower, l’attore protagonista del film che mi aveva fatto venire il prurito.

È stato a quel punto che “Principessina” mi è stato faxato direttamente nel cervello: trama, personaggi, dialoghi e scene. Tutto nel nel giro di pochi secondi. È stato spaventoso. E altrettanto spaventosa è stata la nottata che ho passato al pc per non dimenticare nulla.

Ora “Principessina” è diventato il romanzo che più rispecchia il mio carattere: ironico, pungente e terribilmente drammatico. Ne amo ogni singola parola a tal punto che mi sono ritrovata a scrivere un seguito, poi a progettare una serie, e chissà dove finirò domani!

————————————————————————————————————————————–

TITOLO: Principessina (The Troubled Teen Series Vol. 1)

Editore: Triskell. Data di pubblicazione: 3 giugno 2016.
Prezzo: euro 4,49 (eBook).

Gabe Scott, la Principessina della scuola e unico gay dichiarato, e Zeke Zimmerman, il quarterback e capitano della squadra di football. Due persone opposte tra loro.
Eppure è proprio da Gabe che Zeke corre in cerca di aiuto per fare coming out.
Riuscirà Gabe a perdonare anni di bullismo e ad aiutare il ragazzo? E riuscirà a non innamorarsi di Zeke?

Post precedente

Il libro che avrei voluto scrivere

Post successivo

SelfHelp: L come Lettering

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

Nessun Commento

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *