EventiInterviste

Hot Tour: a qualcuno piace caldo

Flumeri & Giacometti, con aria furba e soddisfatta, si presentano alla mia porta. Timeo Danaos et dona ferentes… ma come si fa a resistere a un “regalo” del genere?

Regalo? Quale regalo?

La Premiata Ditta si dà all’erotico!

Ha inizio, oggi, un Hot Tour che, nella prima fase, vedrà coinvolti quattro Blog.

Questo il calendario:

13445901_10208467235271313_874361764_o

Babette Brown ha il compito -divertente- di intervistare
Elisabetta Flumeri & Gabriella Giacometti

——————–

Fuori dai denti: che cosa vi è venuto in mente?

A noi piacciono le sfide. E abbiamo scelto questo lavoro proprio perché ci ha dato e ci dà la possibilità di metterci alla prova. Sempre. Il momento che smettessimo di farlo non avrebbe più senso continuare a scrivere. Non è detto che vada sempre bene, ma dagli errori si impara e poi ci si lancia in una nuova sfida. Ci piace sperimentare. Dopo anni di melo televisivo, abbiamo finalmente avuto la possibilità di scrivere commedia. Ma non vogliamo fossilizzarci. Ci siamo cimentate di nuovo nel melo, adesso abbiamo in ballo una serie gialla con due colleghe molto in gamba e nel frattempo…perché non l’erotico? Avevamo in mente una storia che calzava a pennello e l’abbiamo buttata giù. E più andavamo avanti più ci piaceva…

Ditemi la differenza fra romanzo erotico e “pornozozzo” (rubo la definizione a Linnea Nilsson, autrice di “Le orge della Contessa” e altre prelibatezze).

Ti rispondiamo in sintetiche pillole.
Pornozozzo:
– Freddo elenco di dettagli anatomici
– Nessuna partecipazione o empatia
– Nessuna evoluzione emotiva
Erotico:
– Prima di tutto una buona scrittura, capace di evocare più che di spiattellare
– Coerenza emotiva
– Ripercussioni psicologiche sui protagonisti
Abbiamo appena letto il libro di Lidia Calvano “Un puzzle a due pezzi”: ecco, quello è un ottimo esempio di ciò che intendiamo.
Se vogliamo rifarci ad esempi letterari: Anais Nin per tutti.
L’erotico non è un genere di per se stesso, è un modo di trattare una storia. Come il comico o la comedy. La storia è quello che conta. La crescita emotiva e i conflitti. Le scene di sesso non vanno distribuite a caso qua e là come il prezzemolo. Devono essere contestualizzate, rispondere all’esigenza della storia e portare avanti la trama. Altrimenti risultano noiose e ripetitive e a volte risentono di quella che, in gergo tecnico, si chiama comicità involontaria.

Chi di voi due scrive le scene di sesso?

Ehhhhhhhhh… questo non si può proprio dire! Ti immagini che succederebbe sulla pagina Facebook? E nelle richieste di amicizia…?

Che cosa si prova a scrivere una scena di sesso? E: vi scappa mai da ridere?

Sinceramente, ti può scappare da ridere prima, in fase scaletta “porco giuda” – così abbiamo soprannominato le nostre scalette da combattimento, quelle che leggiamo solo noi e dove scriviamo cose a volte irripetibili – ma non mentre scrivi la scena. È lo stesso che per una qualunque scena d’amore: se non ci credi, non funziona. Se scrivi con supponenza, con ironia, con distacco, non funziona. Chi legge se ne accorge subito e chiude il libro.
Ergo, devi essere la prima a crederci, a sentire e vivere sulla tua pelle quello che stai scrivendo, provare le stesse emozioni dei protagonisti… sì, anche fisiche se la vogliamo dire tutta! Solo così riesci a essere credibile. Ci siamo chieste, e abbiamo chiesto, perché si legge tanto l’erotico. La risposta che alla fine ci siamo date è che si tratta di un modo per vedere realizzate le proprie fantasie, anche quelle che non confesseremmo a nessuno. Tutti ne abbiamo. Scriverle e leggerle in un certo senso significa metterle in pratica.

Perché usare lo pseudonimo?

Per un problema di riconoscibilità del prodotto. Flumeri & Giacometti, all’estero in particolare, sono autrici di commedie romantiche soft. Isabella Greco è il nostro alter ego… hard!

Quatte quatte, le nostre due malandrine si allontanano nella notte… Tocca aspettare, adesso. Ne vedremo -no, leggeremo- delle belle!

——————–

 13441664_10208467236351340_951418983_o“Le chiamano feste dei sensi. All’insegna della trasgressione. Tutto è lecito. Tutto è permesso.”

Anna ha sedici anni quando incontra Edoardo, timido, introverso, innamorato come solo un adolescente può esserlo. Ma la tenera amicizia che sta nascendo tra loro è spazzata via dall’arrivo del fratello maggiore, Filippo bello, viziato e irresistibile. Fino al giorno in cui uno schianto in autostrada cambia drammaticamente il loro destino.
Oggi il marchese Edoardo Crivelli d’Adda è un imprenditore del sesso. La Blue Velvet, l’agenzia che gestisce insieme al socio Lorenzo, promette di esaudire ogni desiderio dei suoi clienti.
Le donne impazziscono per lui perché sa realizzare tutte le loro fantasie, anche quelle più inconfessabili.
Cinque anni nella Legione Straniera, dove Edoardo ha imparato a uccidere e obbedire, lo hanno completamente cambiato. È convinto di aver sepolto per sempre l’adolescente timido e impacciato che è stato, ma quando incontra di nuovo Anna, infiltrata in una delle ‘feste’ della Blue Velvet, il passato riemerge prepotente, con il suo carico di sofferenza, frustrazione, rabbia.

«Sono un assassino e una puttana. E adesso mi vuoi ancora? O ti faccio paura?»
Se aveva pensato di poter condurre il gioco, si era sbagliata.
«Ti voglio e mi fai paura» mormorò.

Anna lo vuole, disperatamente, incondizionatamente, e per lui è disposta a mettere in gioco tutto.

Quel corpo meraviglioso le ricordava le antiche statue degli dei. Un dio che si concedeva senza darsi. Un dio che non avrebbe mai potuto avere. Che non sarebbe mai stato suo. Perché era di tutte e di nessuna.

Ma innamorarsi è l’unico rischio che Edoardo non ha intenzione di correre.
Eppure Anna è un’ossessione più forte della sua volontà, dei suoi incubi, del suo ferreo autocontrollo.
Ma un’ossessione può trasformarsi in amore?
La storia di una passione violenta, fragile e disperata, a cui è impossibile opporsi.

——————————-

Flumeri & Giacometti su Amazon

Grafica di Elira Pulaj

——————————-

13453435_10208467233831277_692106169_o

L’avventura continua…

Post precedente

La biblioteca di Lady Hiddlestone, un racconto di Lucia Guglielminetti

Post successivo

Il Diavolo e la Strega

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

4 Commenti

  1. Lidia Calvano
    15 giugno 2016 at 7:31 — Rispondi

    Bravissime queste autrici che sanno sempre porsi traguardi differenti e amano sperimentare in tante direzioni. Sono molto ansiosa di leggerle in questa veste più “hot”, l’unico rimpianto è che abbiano deciso di cambiare brand, e di creare uno pseudonimo. I loro nomi sulla copertina sono ormai sinonimo di garanzia e un fulgido esempio di sodalizio creativo e duraturo tra autrici, ma presto ci affezioneremo anche a questo loro nuovo alias. In bocca al lupo, e viva EWWA!

    • Babette Brown
      20 giugno 2016 at 11:41 — Rispondi

      L’uso di più brand è prassi comune negli USA. Vedi anche J. R. Ward, per esempio, o Rowling.

  2. 15 giugno 2016 at 8:43 — Rispondi

    Innanzitutto grazie per questo articolo, per noi l’erotico è veramente una nuova sfida . Speriamo che le lettrici si appassionino alla storia di Edoardo e di Anna, sono due personaggi che ci hanno subito conquistato perché il loro amore è Così violento…
    Così fragile…
    Così disperato….

    • Babette Brown
      20 giugno 2016 at 11:40 — Rispondi

      Fiochissima l’idea di prendere in prestito Prévert.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *