Eventi

Massimo Marinelli presenta “Via Ultima Costa”

Sono nato ad Agnore nel 52, l’età degli uomini non è segreta. Sono venuto a Roma per studiare all’Università, dove mi sono laureato in giurisprudenza nel lontano 1976 (42 anni fa !). Mi occupo di problematiche legali presso una società di Roma; lo farò ancora fino a dicembre, poi stop !
Non mi definisco uno scrittore, il libro è nato per gioco: volevo capire se chi scrive una storia  lo fa per gradi, capitolo dopo capitolo oppure l’ha già tutta nella testa prima di cominciare a scrivere. Non uscendo a darmi una risposta soddisfacente, mi sono detto:  “Ora provo e vedo” e mi sono accorto che la prima risposta era quella giusta
Di questo e di altre cose mi piacerebbe parlare sabato prossimo, già so che sarà una bella serata.

Così si presenta Massimo Marinelli che, sabato 3 febbraio, alle 18:30, presenterà il suo romanzo “Via Ultima Costa” all’Enoteca Letteraria di Via delle Quattro Fontane, a Roma.

Si tratta di un testo originale, che rispetta tutti i canoni del romanzo giallo, ma contiene molto altro, per cui tiene alta la tensione e si rivela altamente letterario e intenso.

Titolo: Via Ultima Costa.
Autore: Massimo Marinelli.
Genere: Giallo.
Editore: Iskra.
Prezzo: euro 10,00 (copertina flessibile).

Nel mese di dicembre degli anni Settanta un orribile fatto di sangue sconvolge e divide la comunità di Bosa che si appresta a festeggiare l’imminente e atteso Carnevale. L’indagine è affidata all’ispettore Priamo Melis, uomo dotato di acume investigativo ma di scarso apprezzamento da parte dei notabili del luogo. Nel corso delle indagini l’ispettore Melis dovrà fare i conti con i numerosi tentativi di depistaggio e con l’omertà di alcuni personaggi; questo complicherà ancor di più la vicenda che avrà sviluppi oltremisura tragici.

Dietro le quinte…

“… a proposito di quello che mi hai chiesto ieri sera, ti dico che hai fatto un’osservazione molto acuta: è come se i personaggi principali del libro fossero accomunati da qualcosa che non hanno. Manca loro una vita normale, non hanno famiglia né affetti. Questo ci porta a dire che come persone sono incompiute.
Io ho voluto tratteggiare in questo modo queste figure di uomini soli perché anche il luogo in cui vivono è un luogo incompiuto.
Questo ci costringerebbe ad elencare tutto quello che manca a Bosa per farla diventare ancora più bella, ma  potremo sempre farlo. Quello che mi preme invece sottolineare è il fascino che promana dall’incompiutezza, fascino perchè ognuno di noi è libero di definirla e completarla come meglio crede, quindi la mano dello scittore è più libera…”

Post precedente

Recensione: Le notti di Kore, di Aina Sensi

Post successivo

Recensione: A second life, di Alice Elle

Babette Brown

Babette Brown

Babette Brown o meglio... Annamaria Lucchese è nata tanti anni fa in quel di Padova. Strappata in tenera età alle brume del Nord, è stata catapultata dalla vita prima a Roma, poi a Milano. Al momento (ma non promette niente) sembra stabile a Roma, dove vive in una casa piena di libri e, da brava zitella, con tre gatti teppisti e una cagna psicolabile.
Laureata in Filosofia, ha lavorato come docente e dirigente scolastico.
A parte questo, risulta essere una brava persona. Da un anno circa, ha aperto un blog che si occupa di narrativa rosa e un gruppo Facebook, all’interno del quale trovate lettori e scrittori che convivono in pace.

2 Commenti

  1. maria rizzi
    5 febbraio 2018 at 0:49 — Rispondi

    Grazie Babette per la recensione particolare del romanzo giallo di Massimo Marinelli e per la promozione del premio “VOCI” Città di Roma. Il libro, che ha riscosso molto successo, è un’opera di stampo neo – realista, volto, come ha detto l’Autore, a valorizzare gli ultimi. I personaggi del suo testo, infatti, hanno tutti qualcosa di irrisolto. Anche la stessa Bosa, cittadina sarda dove si svolge la vicenda, è irrisolta, in quanto non trova una sua reale dimensione. Interessante e dalla chiara connotazione di ‘giallo poliziesco’, in quanto al termine della lettura il cerchio si chiude. Sono onorata della tua collaborazione e ti invierò altri ‘dietro le quinte’, se me lo permetterai. Un grande grato abbraccio

    • Babette Brown
      5 febbraio 2018 at 4:57 — Rispondi

      Grazie per le tue parole, Maria. Accolgo volentieri la tua proposta. A presto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *